Ricerca sull'utopia moderna

Appunto inviato da mauins
/5

Il significato dell'utopia moderna. H.G. Wells, Ray Bradbury e Umberto Eco (9 pagine formato doc)

UTOPIA MODERNA SIGNIFICATO

Utopia moderna.

Introduzione. Una delle peculiarità della storia è che certe epoche conoscono la realizzazione di alcune ambizioni – spesso utopistiche - concepite in epoche precedenti. Ad esempio, da sempre gli uomini hanno desiderato poter volare, e soltanto da non molti decenni il loro desiderio si è realizzato con gli aeroplani; un altro esempio è "La città del sole” di Campanella e la “New Atlantis” di Bacone, che sembrano un preludio delle odierne Tecnopoli. I progetti di Leonardo Da Vinci, come ad esempio il paracadute o la “macchina tormentaria” sono una realtà concreta.
E l’elenco potrebbe continuare fino a riempire volumi interi. Cosa succederà nel Duemila? L’unione dei paesi del mondo tramite reti telematiche (internet) realizzerà, dal punto di vista comunicatico e commerciale se non politico, il sogno di molti sovrani: Alessandro Magno, gli imperatori di Roma, Napoleone…Sempre riguardo ad Internet e commercio, la diffusione di una lingua (inglese) a livello planetario sembra una rivincita sull’umiliazione narrata dalla leggenda della Torre di Babele. La conquista umana di Marte, dopo quella della Luna, contribuirà ad avvicinare gli uomini a Dio (ricordiamo come nell’antichità i pianeti del Sole fossero identificati con gli dei, e come nel Medioevo fossero considerati alla pari delle altre stelle, creazioni divine irraggiungibili per l’Uomo). Le chimere del passato, ma anche le fantasie dei primi romanzi di fantascienza, possono e potranno prendere vita grazie ai “miracoli” dell’ingegneria genetica. Fino a ieri molti sognavano tutto questo, mentre oggi c’è chi teme le imprevedibili conseguenze: il tempo dirà, purtroppo a qualcun altro, chi aveva ragione e perché. Noi ora possiamo solo chiederci quando e se troverà realizzazione la più antica utopia umana, cioè la risposta alle due domande che hanno fatto nascere tutte le religioni della storia: perché l’umanità ed il mondo stesso esistono? E che cosa ci aspetta dopo?

Tema sull'utopia

UTOPIA MODERNA WELLS

H.G. Wells. H.G.Wells nacque a Kent  e sino a 17 anni fu apprendista in una ditta di tessuti, ma poi decise di perseguire i suoi interessi culturali e le sue ambizioni letterarie. Nel 1934 Wells, angosciato dalla convinzione che fosse incombente la distruzione della civiltà , si recò negli Stati Uniti e nell’Unione Sovietica, ed ebbe lunghi colloqui con Roosevelt e Stalin sull’argomento che gli stava piu a cuore: la sorte degli esseri umani. Wells è considerato insieme a Verne, il padre della fantascienza. I romanzi The Time Machine e L’isola del dottor Moreau furono considerati i suoi maggiori successi. Egli usò le sue conoscenze scientifiche per costruire storie ambientate in un futuro prossimo o remoto in cui si ipotizzavano le conseguenze – per lo più negative – dell’incontrollato sviluppo tecnico e scientifico e delle tensioni sociali. Se queste storie hanno una netta impronta fantastica e apocalittica, nelle utopie scritte all’inizio di questo secolo come Anticipazioni, La formazione dell’umanità e Un’ utopia moderna, lo scrittore profetizza invece di uno stato mondiale sotto la direzione di una élite di intellettuali e di scienziati: vi si avverte la traccia dei dibattiti socialisti , ma anche il punto d’arrivo di un lungo dibattito sulla funzione dello stato e sul ruolo dell’intellettuale.Wells si cimento anche con successo nei romanzi (La sotia del signor Polli, Kipps..), nei quali in tono ironico e disinvolto egli racconta il fallimento delle aspirazioni dei protagonisti. La mente all’estremo delle sue risorse (1945) é l’ultimo messaggio di un uomo e di un profeta che vedeva crollare le sue illusioni di fronte allo scoppio della bomba atomica.