I nuovi prodotti alimentari

Appunto inviato da mikelon94
/5

La qualità dei prodotti alimentari, i nuovi prodotti alimentari, etichettatura dei prodotti transgenici, alimenti biologici (5 pagine formato doc)

RISTORAZIONE
I NUOVI PRODOTTI ALIMENTARI
LA QUALITA’ DEI PRODOTTI ALIMENTARI
Un tempo la ristorazione era strettamente legata al territorio e alla stagione della produzione locale.
Oggi, l’ampia disponibilità  di merci rende necessaria un’approfondita conoscenza dei prodotti che consenta di valutare il rapporto qualità/prezzo al momento dell’acquisto.
I mercati, i pubblici esercizi e i punti vendita della grande distribuzione organizzata offrono una notevole varietà di alimenti, da quelli contrassegnati con la dicitura “primo prezzo” a quelli di marche più o meno conosciute.
In un prodotto si ricercano la salubrità, cioè l’assenza di alterazioni e di germi patogeni e contaminazioni,  e la genuinità, intesa, più che in senso proprio, come il suo essere in regola con i requisiti di legge.


“Un alimento non è più genuino se è stato adulterato o sofisticato (per esempio, con l’aggiunta di sostanze estranee come polvere di marmo nello zucchero, acqua nel latte o nel vino, additivi non consentiti), falsificato (sostituzione di un prodotto con un altro di minor pregio) o contraffatto (commerciato con denominazioni non proprie, per esempio formaggi con marchi tipici non autorizzati).”
La qualità certificata
Al fine di qualificare l’offerta gastronomica, sempre più spesso le aziende di ristorazione acquistano prodotti di qualità certificata. Vari tipi di marchi e denominazioni codificano l’origine e il metodo di produzione di un alimento tutelando da imitazioni, falsi e concorrenze sleali.


Solitamente, gruppi di produttori si associano allo scopo di tutelare un prodotto e richiederne poi la registrazione della denominazione;  la domanda, inoltrata al Ministero per le Politiche agricole, viene poi trasmessa alla Commissione Europea.
I prodotti tipici italiani registrati con marchio europeo sono oltre 100 e numerose sono le richieste di riconoscimento per altri prodotti. A livello comunitario sono previsti tre marchi di qualità:
DOP, Denominazione di Origine Controllata
IGP, Indicazione Geografica Protetta
STG-AS, Specialità Tradizionale  Garantita-Attestazione di Specificità
Nel settore vinicolo esistono altri tre tipi di certificazioni:
DOC, Denominazione di Origine Controllata
DOCG, Denominazione Di Origine Controllata e Garantita
IGT, Indicazione Geografica Tipica