Preparazioni galeniche officinali e magistrali

Appunto inviato da nella162
/5

ricerca per conoscere i vari modi per le preparazioni galeniche. (6 pagine formato doc)

Untitled 1.Preparazioni galeniche officinali e magistrali Con lo sviluppo dell'industrializzazione, la pratica della preparazione galenica, che da sempre costituiva l'aspetto caratterizzante la professione del farmacista, ha subìto una progressiva riduzione sino a considerarsi residuale.
La possibilità di poter disporre con immediatezza di farmaci via via sempre più numerosi, tecnicamente ineccepibili e terapeuticamente efficaci, realizzati da industrie farmaceutiche al passo con i progressi farmacologici e tecnico-farmaceutici ha indotto la classe medica a considerare elettivamente la specialità medicinale.Ciò nonostante, il farmacista ha conservato il suo ruolo di preparatore di prodotti medicinali, seppure nell'ambito di particolari disposizioni legislative. Il farmacista dispone di un laboratorio, che è obbligato per legge ad allestire con apparecchi, strumenti e sostanze indicati nelle tabelle 2 e 6 della Farmacopea Ufficiale.
Il farmacista deve inoltre rifornirsi di tutti gli apparecchi, utensili, materiali, prodotti e reattivi adeguati al numero e alla natura delle preparazioni abitualmente eseguite nonché di idonee apparecchiatura per il loro controllo al fine di soddisfare le esigenze della propria utenza. Con l'autorizzazione all'apertura di una farmacia, il farmacista è legittimato ad allestire preparazioni estemporanee, classicamente note come "galenici magistrali" e "galenici officinali"; in quest'ultima categoria rientrano anche i cosiddetti "multipli". I galenici magistrali sono farmaci preparati dal farmacista in farmacia su presentazione di una prescrizione del medico, il quale indicando espressamente qualità e quantità di ogni componente per adattare la formulazione alle specifiche necessità del suo paziente, si assume le responsabilità relative all'efficacia e alla sicurezza della formulazione. Al farmacista compete il controllo della prescrizione medica per quanto riguarda esclusivamente gli aspetti tecnico-farmaceutici (compatibilità, dosaggio, ecc.) e legislativi (rispetto di specifiche norme, divieti, limitazioni, ecc.). Il farmacista è altresì responsabile della qualità delle sostanze utilizzate e della corretta tecnica di preparazione (le sostanze impiegate devono avere i requisiti prescritti nelle relative monografie riportate nella Farmacopea Ufficiale; le sostanze non iscritte in FU. devono essere comunque utilizzate dal farmacista allo stato di purezza, genuinità e ottima conservazione). La fonte di legittimazione dell'operato del farmacista è dunque rappresentata esclusivamente dalla ricetta medica, poiché la formulazione quali-quantitativa non è codificata in alcun testo ufficialmente riconosciuto, ma è stabilita dal medico in funzione delle esigenze terapeutiche di ogni singolo paziente. medicinali allestiti in farmacia (estemporanei) -galenici magistrali: medicinali destinati a un determinato paziente e preparati in farmacia su prescrizione medica; -galenici multipli: medicinali preallestiti, preparati nella farm