Antropologia della città di Sobrero: riassunto

Appunto inviato da fabris
/5

Riassunto del libro di Sobrero, Antropologia della città, per l'esame di antropologia economica (25 pagine formato doc)

ANTROPOLOGIA DELLA CITTA' SOBRERO: RIASSUNTO

Antropologia delle città.

Sobrero. Dalla fine degli anni ‘60 si afferma, prima negli Stati Uniti e poi in Europa, l’antropologia delle società complesse o antropologia urbana.
A un estremo c’è chi ritiene che l’antropologia dovrà necessariamente diventare antropologia delle società complesse; all’estremo opposto molti continuano a mantenere un certo scetticismo sul fatto che l’antropologia possa contribuire alla comprensione di quanto accade in società non tradizionali.
La complessità per sua natura oppone resistenza agli strumenti tradizionali della semplificazione antropologica.
L’emergere di un oggetto nuovo, la città, l’emergere di comportamenti, di modi di vita, di forme di pensiero nuove e non comprensibile nelle categorie classiche dell’antropologia, e, per un altro verso, la conseguente messa in crisi in antropologia di un metodo sempre più riduttivo e incapace di rappresentare realtà non semplici.
PARTE PRIMA - IL DIBATTITO TEORICO
1. L’antropologia di fronte alle società complesse.
1.1 La scoperta della complessità
Fra i due secoli l’antropologia finì per coincidere con lo studio dei popoli "diversi da noi", mentre fu riservato alla sociologia il compito di indagare sulle modernità. Mentre la sociologia metteva a punto tecniche e strumenti di analisi destinati alle grandi unità di indagine, la ricerca antropologica elaborava nozioni (cultura) e raffinava strumenti di osservazione e descrizione fondati sull’esperienza diretta della vita di piccole comunità tradizionali.
Università di Chicago: utilizzare le procedure e le categorie specifiche elaborate per studiare i primitivi per la conoscenza della nostra società e in particolare per la conoscenza dei nuovi grandi agglomerati urbani.
1925 - programma di Park:
a.    l’antropologia è scienza dell’uomo in generale e anche "l’uomo civile è oggetto di indagine altrettanto interessante";
b.    la cultura delle società moderne è nei suoi moventi fondamentali identica a quella delle società semplici o tradizionali;
c.    i metodi utilizzati dall’antropologia per lo studio delle società semplici "possono essere impiegati ancora più vantaggiosamente" nello studio delle nostre società.

Il rito in antropologia: significato e definizione

ANTROPOLOGIA DELLA CITTA' ALBERTO M. SOBRERO: RIASSUNTO

Park e i suoi allievi si limitarono a trarre dall’antropologia il gusto per l’osservazione diretta, minuta, partecipante, nonché la capacità di cogliere la differenza.
Margareth Mead: "L’esperienza di un’altra cultura ... in una società moderna può riuscire complementare al lavoro delle altre discipline".
Alla nascente società urbana gli antropologi erano chiamati ad offrire essenzialmente due cose:
a.    l’esperienza etnografica, le capacità descrittive, messe alla prova attraverso il metodo partecipativo;
b.    la tradizione comparativa.
Quando ne sono oggetto le società moderne, l’antropologia non ha sistemazioni teoriche da offrire; tuttavia sembra capace di lavorare ai confini tra saperi diversi, di indagare su unità poco codificate, di sperimentare metodi diversi di osservazione e di rappresentazione.