Cos'è il terremoto e perchè avvengono i terremoti

Appunto inviato da lauretta5a
/5

descrizione del fenomeno del terremoto, con cause e conseguenze. Cos'è il terremoto e perchè avvengono i terremoti? (2 pagine formato doc)

COS'E' IL TERREMOTO E PERCHE' AVVENGONO I TERREMOTI

Un terremoto, o sisma e un improvviso scuotimento del terreno che può essere tanto forte da provocare danni e distruzione o tanto leggero da essere percepito solo da strumenti molto sensibili.

I terremoti più importanti sono causati dal movimento delle placche e da scorrimenti lungo piani di faglia. Per spiegare il movimento delle faglie e l’origine dei terremoti, gli scienziati hanno sviluppato un modello chiamato modello del rimbalzo elastico o della reazione elastica-fragile.
Il movimento lento e continuo delle placche deforma lentamente le masse di roccia della crosta terrestre, che si comportano in modo elastico. Se la sollecitazione cessa il materiale deformato riprende la forma originaria, ma se la sollecitazione continua, superando il limite di elasticità delle rocce, a un certo punto queste si comportano in modo fragile e si rompono improvvisamente.

Cosa sono i terremoti: definizione e classificazione


COSA SONO I TERREMOTI E DA COSA SONO CAUSATI

Si genera così una faglia nella crosta e le rocce sono libere di scivolare una rispetto all’altra lungo il piano di faglia, “rimbalzando” verso la loro posizione originaria e provocando forti vibrazioni. L’energia che si libera durante il rimbalzo e che genera i terremoti si chiama energia sismica. Quanto maggiore è l’energia elastica immagazzinata nelle rocce a causa della deformazione, tanto maggiore è l’energia sismica liberata nel terremoto. L’energia si propaga sotto forma di onde elastiche. Nel caso dei terremoti il punto in cui si verifica il cedimento delle rocce comincia a vibrare e trasmette la sua energia al punto vicino, che inizia ad oscillare a sua volta e così via. In tal modo si propaga attraverso il materiale un flusso di energia chiamata onda sismica. L’onda sismica ha caratteristiche diverse che dipendono sia dall’entità della deformazione iniziale sia dalle caratteristiche del materiale in cui l’onda si propaga (direzione di propagazione, velocità, ampiezza(scostamento massimo dal punto di equilibrio durante l’oscillazione) e la frequenza(numero di oscillazioni nell’unità di tempo)).

Cos'è il terremoto: come si forma e come avviene


COME AVVIENE UN TERREMOTO

Durante un terremoto il cedimento delle rocce inizia in un singolo punto su un piano di faglia, chiamato ipocentro. L’ipocentro, o fuoco, di un sisma è il punto situato sul piano di faglia dal quale si propagano le onde sismiche. Il punto della superficie terrestre che si trova direttamente sulla verticale dell’ipocentro si chiama epicentro del sisma. Le onde emesse dall’ipocentro viaggiano cosi velocemente che possono raggiungere la superficie ancora prima della rottura stessa. Lo strumento usato per rilevare e misurare le caratteristiche delle onde sismiche è il sismografo

Cosa sono i terremoti e da cosa sono causati


COSA SONO I TERREMOTI

Quando il suolo si muove, i sismografi registrano sia la durata del terremoto sia le caratteristiche delle oscillazioni del terreno dalle quali si ricavano le caratteristiche delle onde sismiche che le hanno prodotte. Il sismogramma è un grafico che mostra la variazione delle forme delle onde nel tempo. Le onde sismiche più veloci sono chiamate onde prime o onde P, perché sono le prime ad arrivare a tutte le stazioni di misura. Esse comprimono ed espandono il materiale che attraversano nella stessa direzione in cui si propagano. Viaggiano ad una velocità di circa 6km/s.