I beni dello Stato e degli enti pubblici

Appunto inviato da nairisky
/5

Note sintetiche: i beni del demanio pubblico; i beni del patrimonio; i beni patrimoniali come fonti di entrata (2 pagine formato doc)

La proprietà di beni patrimoniali, utilizzata come fonte di entrata mediante una gestione di tipo privatistico, non ha molta rilevanza nella finanza pubblica moderna, essi hanno sempre rappresentato più una fonte di spese (per la manutenzione e la gestione).

I beni dello stato e degli enti minori si distinguono in due grandi categorie:
i beni del demanio pubblico, direttamente destinanti a scopi pubblici, e regolati da norme di diritto pubblico con un regime particolarmente rigido; i beni del patrimonio utilizzabili per ottenere entrate originarie e regolati in linea di massima dalle norme sulla proprietà privata.

  • DEMANIO PUBBLICO
Demanio necessario:ne fanno parte beni che, per la loro natura, possono appartenere soltanto allo Stato (porti, fiumi, torrenti)

Demanio accidentale:beni che di per se possono appartenere a privati, ma, qualora appartengano allo Stato o ad altro ente, sono assoggettati al regime del demanio pubblico (vie di comunicazione e aeroporti)


I beni del demanio pubblico sono fuori commercio.
Non possono essere alienati dagli enti a cui appartengono e non possono essere acquistati da altri soggetti a nessun titolo, nemmeno per usucapitone.

Non sono fonte di entrate ne ordinarie, perchè sono infruttiferi, ne straordinarie, perché sono inalienabili.






.