Gli effetti della pressione sul corpo umano

Appunto inviato da nickname87
/5

Come varia e gli efetti della pressione sul corpo umano (8 pagine formato doc)

EFFETTI DELLA PRESSIONE SUL CORPO UMANO

Effetti della pressione sul corpo umano.

Appurato che i solidi e i liquidi sono incomprimibili e che le variazioni della pressione ambiente non portano loro nessuna variazione di volume, indirizziamo il nostro interesse ai gas, in quanto gli effetti della pressione su di essi rappresentano parte più importante della fisiologia subacquea.
POSSIBILI INCIDENTI SUBACQUEI
Gli incidenti subacquei si possono dividere in incidenti meccanici, tossici e da decompressione.
INCIDENTI DA DECOMPRESSIONE:  Sono causati dall'errata conduzione dell'immersione.
Dalla metà del XIV secolo, si cominciò a lavorare in ambienti sotto pressione, Gli operai tornavano alla pressione atmosferica, dopo molte ore passate in ambienti con pressioni assolute, superiori a 4 Kg/cm2 senza che venisse presa alcuna precauzione. All'uscita da questi cassoni, a volte dopo molte ore si manifestano disturbi di vario genere, come pruriti, dolori articolari, spossatezza, difficoltà respiratoria.
INCIDENTI MECCANICI:  Alcuni incidenti, provocati dalla pressione, sono il colpo di ventosa, lo schiacciamento della maschera, le coliche dei palombari, danni all'orecchio medio, sovradistensione polmonare.

La pressione nei liquidi, spiegazione

PRESSIONE ATMOSFERICA SUL CORPO UMANO

INCIDENTI TOSSICI:  Sono causati dalla tossicità di alcuni gas. L'anidride carbonica, tossica a pressione atmosferica vede aumentare il suo effetto sotto pressione. L'ossigeno non tossico a pressione atmosferica, lo diventa quando la pressione assoluta supera le 2,5 ATM.
La malattia da decompressione - Un gas a contatto con un liquido entra in soluzione in esso, secondo la legge, formulata da Henry, la quale afferma che "la massa di un gas che si scioglie in una data massa di liquido, ad una data temperatura ed ad una data pressione è direttamente proporzionale alla pressione del gas sul liquido e diminuisce al crescere della temperatura".

COME VARIA LA PRESSIONE AL VARIARE DELLA TEMPERATURA

La legge di Henry è di interesse subacqueo in quanto, i gas della miscela respiratoria sotto pressione si sciolgono prima nel sangue e successivamente nei tessuti, tale discioglimento avviene in quantità tanto maggiore quanto maggiori sono la durata e la profondità dell'immersione. Alcuni gas, nel nostro caso l'azoto, non vengono metabolizzati ai fini respiratori e quindi rimangono fissati maggiormente nei tessuti. Nel caso di una risalita troppo veloce, si ha una tumultuosa liberazione dei gas disciolti nei tessuti dell'organismo, tale situazione causa numerosi fenomeni patologici, di diversa entità, che vanno sotto il nome di Malattia Da Decompressione o M.D.D. .
Per fare un esempio di quanto avviene nell'organismo in fase di risalita, basta pensare ad una bottiglia contenente una bibita gassata, quando viene tolto il tappo, il gas disciolto verrà liberato velocemente e in modo tumultuoso, mentre se la stessa operazione viene fatta in modo graduale, il gas verrà liberato lentamente. Quando parliamo di M.D.D: ci riferiamo a quelle patologie riguardanti tutti i tessuti, che a seconda dell'entità possono essere più o meno gravi. Per ovviare a questi problemi si ricorre all'uso delle TABELLE DI DECOMPRESSIONE, le quali fissano rigidamente i tempi e le quote delle eventuali soste in fase di risalita.