MALATTIE OSTEOARTICOLARI

Appunto inviato da dia91
/5

Breve saggio sulle più conosciute malattie osteoarticolari. (4 pagine formato doc)

MALATTIE OSTEOARTICOLARI MALATTIE OSTEOARTICOLARI Ogni articolazione si compone di due ossa che si muovono tra di loro.
Il punto delle ossa in cui si affacciano l'un l'altra è ricoperto da una cartilagine articolare e lo spazio in cui avviene il movimento è costantemente lubrificato da un grasso speciale: la sinovia. La parte esterna dell'articolazione è protetta dalla capsula articolare e la membrana sinoviale ne ricopre tutta la parte interna. La guaina sinoviale è un manicotto che circonda i tendini dei muscoli che muovono le dita delle mani e dei piedi. Quando si infiamma siamo in presenza di una sinovite.
La cartilagine articolare ha il compito di ridurre l'attrito tra le ossa che formano l'articolazione favorendone il movimento. un'articolazione, quando normale, presenta un attrito così basso, che solo un uso veramente eccessivo o un trauma, riesce a logorarla. È interessante notare che la cartilagine non possiede capillari sanguigni o linfatici e solo il 5% del suo volume è occupato dalle cellule (condrociti). La sua buona salute dipende dall'azione di pompa (compressione-rilasciamento) esercitata dai vari movimenti. La compressione fa spostare il liquido sinoviale nello spazio articolare e da qui nelle venule. Nella fase di rilasciamento, il liquido entra nella cartilagine per assorbimento. Per evitare l'usura di un'articolazione è necessario che: vi sia del movimento, non traumatico, che renda efficaci ed attive le varie parti che la costituiscono, venga costantemente alimentata con specifiche proteine anabolizzanti, chiamate "aminoacidi collageni", la sinovia sia sempre presente in quantità sufficiente, rimanga fluida ed il suo pH si mantenga nei giusti valori, le ossa interessate si mantengano sane e robuste, pertanto non deve mancare il Calcio che fortifica le ossa. In caso contrario diventano porose (Osteoporosi) e ciò danneggia le superfici d'attrito, non deve mancare il Magnesio, che sostiene l'attività del Calcio ed aiuta i movimenti muscolari. Le malattie reumatiche o osteoarticolari Il concetto di base, che dovrebbe sempre essere tenuto presente, è che una malattia non è altro che il risultato di una Legge naturale che è stata infranta. Pertanto, per fare in modo che si instauri un processo di guarigione, è necessario che le Leggi della natura vengano rispettate (Dr. H.J. Tilden). Tanto tempo fa, quando le articolazioni facevano male e diventavano rigide provocando dolore, si pensava che vi fosse un'unica origine e si parlava di malattia reumatica o reumatismo. Pertanto, con questi termini assai generici e di significato estremamente ampio, si indicavano i vari problemi in qualche parte dell'apparato locomotore (ossa, articolazioni, muscoli, tendini, ecc.). Con il passare degli anni, si scoprì che la patologia presentava varie aspetti, ben definibili ed inquadrabili sia come eziologia che sintomatologia, nacque allora la "Reumatologia". La prima patologia inquadrata fu la Gotta, a cui seguirono le Artriti infettive e le para-in