Sociologia della devianza

Appunto inviato da chiarafirinu
/5

Appunti della materia con approfondimenti. Teorie, teorici e scuole sul concetto di DEVIANZA. (42 pagine formato doc)

Proff Proff.
Bisi Sociologia della Devianza I° Lezione Concetto di devianza: Vi sono 5 proprietà che connotano il concetto di DEVIANZA: PRIMA PROPRIETA' La devianza si riferisce alle aspettative connesse ad un orientamento normativo. - Si considera deviante il comportamento che ha violato le aspettative di una data norma sociale. - Il comportamento deviante non è direttamente collegato ad una norma, ma alle sue aspettative. Differenza tra i due enunciati: è deviante l'atto che viola una data norma è deviante l'atto che viola le aspettative istituzionalizzate di una data norma sociale. Nel caso A: i concreti contenuti sociali (le aspettative istituzionali ovvero ciò che si aspetta che io faccia) sono legati all'enunciato della norma da un nesso logico, ma in realtà non è così in quanto entrano in campo diversi altri fattori.
(esempio in un dato gruppo di persone viene deciso che è vietato fumare; per ottenere il comportamento deviante non è sufficiente violare la norma, ma nel tempo stesso occorre vivere all'interno del gruppo). Il legame di senso tra la norma e l'aspettativa non è di tipo logico ma dipende da tanti fattori. Talcott Parsons ha offerto una teorizzazione soddisfacente di questo problema: Le norme sono in larga misura estrinsecazione di valori sociali. Gli individui, nelle situazioni concrete non producono un'identica risposta di comportamento. In un dato momento storico se i socializzandi sono sottoposti alle medesime tecniche educative, assumono una serie di credenze, valori, atteggiamenti comuni che formano la personalità del soggetto. La personalità di base del soggetto, comune alla quasi totalità dei socializzandi è funzione dei valori. Considerato che I valori vengono appresi ed interiorizzati, e che la gran parte di essi vengono assorbiti nel periodo dell'infanzia, dovrebbe accadere che i socializzandi sottoposti alle medesime tecniche educative, nello stesso momento storico, dovrebbero avere un identico comportamento. Sappiamo bene che questo però non avviene. I socializzandi pur avendo una personalità di base comune non producono uguali reazioni, c'è infatti una gradualità di risposte. E' importante sottolineare che La “personalità di base” dell'individuo, non è la sua personalità totale (ma è solo una parte) I vari soggetti hanno capacità di adattamento razionale alle esigenze della situazione, Esiste un ambito istituzionalizzato di tolleranza, cosicché la conformità non significa uniformità di comportamento Vi sono possibilità alternative di ruolo Specificazione del ruolo su base situazionale (dipendono dal particolare contesto) SECONDA PROPRIETA' 2) Il Comportamento deviante viene individuato da un gruppo, così cambiando il gruppo, cambia anche l'individuazione di ciò che è considerato deviante. Non esiste un comportamento deviante in se e per se, appare tale in base alle aspettative di un determinato gruppo sociale. Nella prospettiva dei positivisti la seconda proprietà si configura nei termini di relativism