Sociologia: nascita e cosa studia

Appunto inviato da gabriellandrea84
/5

Sintesi del manuale di "Sociologia generale" di Girolamo Grillo sulla nascita, sulla storia e su cosa studia la sociologia (33 pagine formato doc)

SOCIOLOGIA: NASCITA

Descrizione della sociologia.

La sociologia nasce come materia di studio nel XIX secolo, in risposta ai cambiamenti che coinvolgevano la società in ogni sua parte: la nascente rivoluzione industriale infatti, stava determinando una massiccia trasformazione, con una conseguente disgregazione dei rapporti sociali e di una trasformazione della visione dell’uomo all’interno di essa. Il compito che si prefiggevano i primi sociologi, quindi, era quello di capire quali fossero le nuove dinamiche che animavano la comunità umana cercando, nel contempo, di prevenire la disintegrazione.
Il termine sociologia viene coniato dal filosofo francese Auguste Comte, considerato il padre della disciplina, per indicare «la scienza di osservazione dei fenomeni sociali». Questa disciplina però non nasce dal pensiero di un unico autore ma fa riferimento a un retroterra culturale profondo.
E’ necessario perciò considerare il contributo indispensabile di tutte quelle conoscenze anteriori che sono confluite nel suo campo, attraverso una rielaborazione operata in base ai nuovi bisogni.

Sociologia: nascita, storia e pensiero sociologico

NASCITA DELLA SOCIOLOGIA: SINTESI

La sociologia si colloca tra le scienze e ha come oggetto di studio la società, e per questo può essere definita la scienza della società.
Il concetto di scienza va però inteso non come momento finale del raggiungimento di evidenze e quindi di «certezze» matematiche e misurabili, com’era secondo il pensiero della scienza classica, ma nel senso moderno di probabilità e di ripetizione costante di certi comportamenti.

Proprio grazie a questo slittamento concettuale, alla sociologia è stato riconosciuto il suo status scientifico.
Ci sono alcuni concetti universali di cui la ricerca sociologica non può fare a meno: il ruolo, il gruppo, la classe sociale, lo status, il potere e il conflitto che ne deriva, l’ideologia. Questi sono solo alcuni modelli concettuali di riferimento che la ricerca sociologica cerca di volta in volta di rintracciare nel vasto mare dei rapporti sociali.

Storia della sociologia: riassunto

COSA STUDIA LA SOCIOLOGIA

Il ruolo stabilisce il primo step della suddivisione sociale in strati e garantisce quell’invalicabilità da un livello all’altro perché garante dell’equilibrio collettivo.
Ogni individuo è parte integrante della società e in virtù dell’essere un soggetto attivo egli ricopre un particolare ruolo; ognuno assume una parte, non sempre voluta, ma accettata poiché in caso contrario rischierebbe di essere estromesso dal resto del gruppo. Ciascuno è, quindi, in certa misura vincolato al ruolo che gli è stato attribuito dalle aspettative degli altri membri della comunità; e coloro che soddisfano le attese dei criteri sociali vengono ricompensati con autorevolezza, rispetto, prestigio, potere.
L’insieme di tutti i ruoli che agiscono reciprocamente formano il sistema sociale.
In uomo perciò è libero nei limiti imposti dal ruolo assunto e dalla società che comincia la sua opera di formazione prima all’interno della famiglia e della scuola, poi nei luoghi di lavoro e di svago: l’individuo è ciò che è solo se preso in riferimento ad altri soggetti a lui simili all’interno del gruppo.

Teorie sociologiche classiche di Comte, Marx e Durkheim