Ulrich Beck e la globalizzazione

Appunto inviato da taroz101
/5

La globalizzazione e il pensiero del sociologo Ulrich Beck (5 pagine formato doc)

ULRICH BECK E LA GLOBALIZZAZIONE

La globalizzazione.

Con il termine globalizzazione si indica il fenomeno di crescita progressiva delle relazioni e degli scambi a livello mondiale in diversi ambiti. Sebbene con questo termine ci si riferisca prevalentemente agli aspetti economici delle relazioni fra popoli e grandi aziende, il fenomeno va inquadrato anche nel contesto dei cambiamenti sociali, tecnologici, politici ed ecologici.
Dimensione economica:
•    Delocalizzazione della produzione
•    Mercato globale
•    Liberalizzazione dei mercati
•    Iperconcorrenza (le imprese si spostano di continuo verso i luoghi più vantaggiosi)
•    Capitalismo finanziario
Dimensione sociale:
•    In Usa e Europa il mercato è saturo; Cina e India sono i nuovi consumatori
•    Disgreganza vita quotidiana
Dimensione politica:
•    Conquista da parte delle multinazionali del potere politico e il loro PIL è spesso maggiore di quello degli stati più poveri pertanto possono influenzare le scelte di un paese (possono spostare il capitale in un paese che le agevoli)
•    Percezione rischio globale
Dimensione tecnologica:
•    Si investe sempre di più nel marketing e nel design e non negli stabilimenti
•    La tecnologia amplia i nostri orizzonti di conoscenza ma attua un controllo sociale!
Dimensione ecologica:
•    Occorre una nuova forma di partecipazione politica che tenga conto degli effetti che la degradazione ambientale ha su tutti gli aspetti della nostra vita, anche quelli economici!

Cos'è la globalizzazione? Significato e caratteristiche

CHE COS'E' LA GLOBALIZZAZIONE, ULRICH BECK

Beck: Che cos'è la globalizzazione? Ho scelto questo libro perchè affronta il tema della globalizzazione in modo abbastanza schematico analizzando dieci errori del globalismo e dieci risposte alla globalizzazione.
In oltre chiarisce con numerosi esempi i vari concetti e non manca di un tocco d’ironia (ad esempio sul finale dove propone una visione della brasilianizzazione dell’Europa).
GLOBALISMO, GLOBALITA' E GLOBALIZZAZIONE - Beck inizia col delineare le differenze tra questi tre concetti che molto spesso vengono confusi o identificati con il termine unico di globalizzazione.

ULRICH BECK: PENSIERO

Globalismo. Punto di vista secondo il quale il mercato globale sostituisce l’azione politica e riduce la globalizzazione alla sola dimensione Economica.


Il globalismo subordina gli altri aspetti della globalizzazione al mercato mondiale pensando gli Stati come delle vere e proprie imprese.
Globalità. Viviamo in una società mondiale in cui nessun paese si può isolare dagli altri e questo fenomeno è ormai irreversibile a causa di:

  • crescente interazione del commercio internazionale e connessione globale dei mercati finanziari
  • sempre nuove tecnologie d’informazione e comunicazione
  • rivendicazioni dei diritti umani che s’impongono universalmente
  • cultura globale
  • aumento attori transnazionali (Nazioni unite, gruppi industriali, ecc..) accanto ai governi
  • povertà globale
  • distruzioni globali dell’ambiente
  • conflitti transculturali

Globalità indica il fatto che nulla di ciò che si svolge sul nostro pianeta è un avvenimento limitato localmente ma tutto si ripercuote sull’asse locale-globale.
Globalizzazione. Processo che consiste nell’estensione delle reti di relazioni reciproche regional-globali e della loro autodefinizione massmediale.
In seguito a questo processo gli stati nazione vengono condizionati da attori transnazionali, dalle loro chance di potere, dai loro orientamenti nelle loro scelte. Il problema cruciale della globalizzazione consiste nel fatto che si è creata una società globale sotto tutti gli aspetti tranne quello di un controllo politico valido per tutti.