Sigmund Freud, psicoanalisi e la scoperta dell'inconscio

Appunto inviato da enrytrust
/5

Riassunto su Freud e la nascita della psicoanalisi (8 pagine formato doc)

SIGMUND FREUD, PSICOANALISI E LA SCOPERTA DELL'INCONSCIO

Sigmund Freud e la nascita della psicoanalisi.

Introduzione. Di tutte le ‘scuole’ della psicologia, la psicoanalisi di Sigmund Freud è stata quella che ha esercitato maggior peso nella cultura contemporanea, influenzando fortemente anche la letteratura, la sociologia, le scienze dell’educazione, l’antropologia. La psicoanalisi fu una vera e propria rivoluzione culturale che, nata come metodo terapeutico per alcuni disturbi mentali, divenne una vera e propria nuova concezione dell’uomo; una concezione definita (a volte in senso dispregiativo) pansessualista, poiché pone le pulsioni sessuali (spesso inconsce) a fondamento del comportamento umano (sia quello ‘normale’ sia quello patologico).

L'interpretazione dei sogni di Freud: riassunto


FREUD E LA PSICOANALISI

La teoria di Freud, centrata sulla scoperta di una zona profonda e oscura della mente, l’Inconscio (costituito essenzialmente da forze, desideri e pulsioni di natura sessuale), e  dell’azione condizionante dell’inconscio sul pensiero e sul comportamento, è stata chiamata PSICOLOGIA ABISSALE o ‘DEL PROFONDO’, e si caratterizza per essere una concezione dinamica e conflittuale della psiche: la psiche non è il regno della mera coscienza, della pacifica luce della ragione e della coscienza; la psiche è piuttosto un campo di battaglia dove si scontrano le forze inconsapevoli e irrazionali di natura libidica (Libido= energia sessuale che spinge verso la ricerca del piacere) con le forze della ‘coscienza morale’ (= l’insieme delle proibizioni che sono state instillate nell’uomo per via educativa sin dai primi anni).

Sigmund Freud: riassunto


FREUD: VITA

Freud nacque nel 1856 in Cecoslovacchia da famiglia ebraica.

La famiglia si trasferì a Vienna, ove Freud studiò medicina. Si specializzò in neurologia. Scoprì, fra l’altro, le proprietà farmaceutiche di un alcaloide allora poco noto: la cocaina. Come psichiatra condusse brillanti rilevazioni anatomo-patologiche nel campo delle malattie dell’apparato nervoso. Nel 1886 si recò con una borsa di studio a Parigi, presso l’ospedale della Salpêtriére, ove J-M Charcot compiva i suoi studi sull’ISTERISMO facendo uso dell’ipnosi. Ritornato da Parigi, F. entrò in contatto con lo psichiatra viennese J. Breuer. Iniziò una proficua collaborazione tra i due, che si interruppe quando F. pose l’accento sul carattere sessuale della vita umana, compresa quella infantile.Dopo la guerra, F. era ormai considerato uno dei massimi intellettuali europei, nonostante le resistenze degli ambienti ‘puritani’ della buona borghesia ostile al suo pansessualismo.   All’epoca della annessione nazista dell’Austria, F. abbandonò Vienna. Morì nel 1939 a Londra per tumore alla gola. Da poche settimane era iniziata la seconda guerra mondiale.

Riassunto su Sigmund Freud: vita


FREUD OPERE

Opere principali: Studi sull’isterismo (1895, in collaborazione con Breuer); L’interpretazione dei sogni (1900); Psicopatologia della vita quotidiana (1901); Totem e tabù (1912-13); L’IO E L’ES(1923); Il disagio della civiltà (1929).

Freud e la psicoanalisi: riassunto


FREUD INCONSCIO

La scoperta dell'inconscio. Giovane medico, Freud accresce la sua curiosità verso un vasto campo di disturbi nervosi allora genericamente catalogati sotto il termine ‘isteria’. I malati isterici presentavano disturbi assai gravi, come assenza di sensibilità e paralisi degli arti inferiori o superiori, nonché fenomeni di afasia (difficoltà nel parlare, addirittura mutismo) e amnesia (disturbi del ricordo), senza tuttavia che si potessero osservare lesioni somatiche tali da potersi dire causa dei disturbi stessi, e senza altresì che i soggetti manifestassero quella perdita di capacità di intendere e volere tipica delle malattie mentali come la demenza o l’oligofrenia (imbecillità). La medicina ufficiale del tempo si muoveva in un orizzonte teorico di tipo positivistico-materialistico, che tendeva a interpretare tutte le malattie in termini somatici.