Storia del teatro inglese dalla Restaurazione all'800

Appunto inviato da kalanis
/5

Riassunti vari sul tema (10 pagine formato doc)

Nel 1642 i puritani riescono a mettere al bando il teatro e chi lo faceva, nel 1647 venne dato il via libera all’arresto di chiunque facesse teatro.
Solo il teatro musicale era esente da divieti, ma tale clima non era dettato dalla paura nelle leggi, quanto alla forza dei puritani stessi. Tali divieti , e il lungo periodo che passò fino alla riapertura dei teatri, portò alla “cancellazione” dalla memoria di cosa fosse il teatro. Grazie al ritorno nel 1660 di Carlo II e della sua incoronazione, si assiste alla riapertura dei teatri e alla formazione di due compagnie principali formate da Killigrew e Devenant , che avevano il “privilegio reale” e di altre tre compagnie minori, che però si sciolsero dopo poco. Un altro problema a cui si dovette far fronte era quello che riguardava gli edifici teatrali fatiscenti, risolto col passare del tempo. La compagnia di Devenant si chiamava “Duke’s men”, e si esibiva inizialmente al Lisle’s Tennis Court; la prima opera fu The siege of rhodes. Devenant puntava molto sull’apparato scenico, e anche per questo fece costruire il Dorset Garden in cui cominciarono le esibizioni dal 1671. La compagnia di Killigrew era “King’s men” e all’inizio si esibiva al Redbull, salvo poi trasferirsi al nuovo Drury Lane.
Ciò che differenziava i due capi-compagnia era la più esperienza e la preferenza di opere più famose per Killigrew e la meno esperienza ma più spettacolarità per Devenant, che comunque ebbe grosso successo.