Il teatro tra le due guerre

Appunto inviato da noela87
/5

Note sulla storia del teatro, i conflitti e i problemi, nel periodo che va tra le due guerre mondiali del Novecento (3 pagine formato doc)

Reinhardt e il teatro espressionismo tedesco

Durante il conflitto mondiale in Germania l'attività teatrale nonostante le difficoltà non smise di esistere, al contrario fu proprio all' inizio di qst secolo che stava nascendo un nuovo movimento culturale che si opponeva al vecchio realismo e naturalismo: Espressionismo (1910) Infatti mentre le vecchie correnti privilegiavano la realtà oggettiva , l espressionismo voleva mostrare la realtà secondo gli occhi e l'animo soggettivo dell'artista che la rappresentava.
Il primo autentico dramma espressionista fu il Mendicante di Sorge. Si deve anche dire però che gran parte della produzione espressionista non riuscì a venir fuori a causa della censura che vigilava durante la guerra.
Comunque i massimi esponenti di questo movimento in Germania sono Kaiser e Toller.

Il Bauhaus e la Neue Sachlichkett


Negli anni venti sempre in Germania va delineandosi un nuovo movimento che ebbe il suo centro nella scuola di Gropius, stiamo parlando del Bauhaus. Gropius voleva abbattere le tradizionali barriere esistenti tra l'artista e l'artigiano e riunire tutte le arti in un'espressione comune. E allo stesso modo lo scopo del Bauhaus era di creare un ambiente quotidiano come un'opera d'arte totale. Il laboratorio della Bauhaus fu diretto da Schlemmer che sulla scena dava molto più importanza al elemento visivo rispetto a quello verbale. E fu per questo che i suoi esperimenti furono improntati sulla danza.Un altro movimento che nasceva negli stessi anni in opposizione però all'espressionismo fu la Neue Sachlichkett (nuova oggettività). I maggiori esponenti furono : Wolf , Bruckenr e Zuckmayer.