Il teatro del secondo '800

Appunto inviato da noela87
/5

Note sintetiche sul secolo delle innovazioni in campo teatrale (3 pagine formato doc)

IL TEATRO DEL SECONDO OTTOCENTO

Il dramma francese

Nel secondo ottocento in Francia il rapido sviluppo industriale favorì la nascita di un clima culturale caratterizzato dalla fede nelle scienze e nell'indagine positiva
.
In campo artistico cresceva e si definiva quindi la tendenza realistica e i primi autori orientati il tal senso furono Dumas figlio e Augier. Entrambi furono influenzati dai loro predecessori e in particolare da Scribe, che si ritiene il fondatore della formula "piece a bien faite". Essa dovrebbe essere intesa come una giusta combinazione dei meccanismi drammaturgici ed è caratterizzata da: esposizione dettagliata e attenta, successione dei fatti legati da un rapporto causa-effetto, tensione sempre alta, capovolgimenti sensazionali.

Dumas diventò famoso soprattutto per il suo romanzo "la signora delle camelie" in cui si presenta una prostituta dal cuore d'oro.
Mentre Augier si ricorda per il romanzo "il matrimonio di Olimpia" che si opponeva al lavoro di Dumas perché presentava una prostituta che non avrebbe mai potuto avere una storia con un giovane aristocratico. Entrambi gli autori utilizzavano temi attuali che spesso scandalizzavano il pubblico per i loro toni forti.

Altre due personalità che ricordiamo sono Sardou (uno degli autori più popolari che utilizza la piece a bien faite a tutti i generi) e Labische (uno dei più importanti scrittori di vaudevilles).

Le condizioni del teatro francese : Montigny, Delsarte, Coquelin e Sarah Bernhart

Fino al 1880 c'era la pratica che le sali minori si specializzavano solo in uno dei cinque generi esistenti in Francia, pratica che declinò perché si sviluppò la pratica secondo la quale uno spettacolo diveniva importante in base al numero delle repliche. Ovviamente comportava la messa in scena di pochi lavori all'anno, ecco perché le compagnie e i teatri cercavano si andare sul sicuro rappresentando opere di autori già affermati e quindi commercialmente più sicuri sfavorendo lo sviluppo di nuovi autori.