Arte romantica e Impressionismo: differenze e caratteristiche

Appunto inviato da jushawk
/5

Le caratteristiche dell'arte romantica e dell'Impressionismo, con riferimenti ai maggiori artisti (9 pagine formato doc)

ARTE ROMANTICA E IMPRESSIONISMO

L'arte romantica e l'impressionismo. Nel XIX secolo è la Francia ad imprimere il suo corso nella vicenda della pittura europea.In questa nazione
hanno avuto origine o decisivo svolgimento i grandi eventi che hanno mutato il volto della società contemporanea,dalla Rivoluzione fino al completo affermarsi della borghesia, dal grande sviluppo dell'industria e del capitalismo alla nuova coscienza sociale conquistata dalla classe operaia.
La società che evolve rapidamente, e il configurarsi di nuovi rapporti fra le classi, inducono gli artisti a farsi consapevoli testimoni del turbamento dei tempi.
Al trionfo del raziocinio e delle regole si oppose fin dai primi anni dell'Ottocento, in tutta Europa, il Romanticismo, che rivendicando i diritti del sentimento e della fantasia, oppose alla dogmatica imitazione degli antichi la libera creatività individuale e il carattere di soggettiva interiorità dell' opera d'arte.

Post-impressionismo: schema

CONFRONTO ROMANTICISMO IMPRESSIONISMO

Pur partendo da queste premesse, nel campo delle arti figurative i Romantici non eguagliarono gli alti livelli raggiunti in letteratura, in poesia e nella musica.
I pittori romantici non riuscirono a proporre nuove soluzioni formali e rimasero ancorati a temi e figure accademici e convenzionali, non riuscendo a esprimere nell'opera i sentimenti e le emozioni dell'artista.

I veri frutti del Romanticismo di cui fu il maggior esponente Eugène Delacroix maturarono solo più tardi, nella miglior pittura dell'800 francese, dal Corot al Courbet fino alla magnifica fioritura degli Impressionisti.

Preannunciato da Edouard Manet e fiorito ad opera di Claude Monet, Alfred Sisley, Camille Pissarro, Auguste Renoir, Edgar Degas, l'Impressionismo non consistè solo in una nuova tecnica pittorica ma rappresentò la conquista più alta dell' arte ottocentesca, interpretandone liricamente e con schietta commozione poetica le esigenze e i temi più importanti come la rappresentazione del "vero".
L'atmosfera di scandalo che circondò subito i primi quadri "di rottura" di Manet non era suscitata soltanto dall'audacia delle soluzioni formali, ma anche dal fatto che la vita contemporanea entrava in quei dipinti senza eufemismi e senza accademiche agghindature. Negli stessi impressionisti si sente il "battito" della vita parigina dell'ultimo terzo del secolo: spregiudicata, dinamica, febbrile nei suoi rapidi mutamenti.
Non c'è bisogno di sottolineare quanto un simile clima spirituale sia stato di stimolo per la produzione artistica: esso induceva un'ansia di ricerca e di esperimento, facendo cadere uno dopo l'altro i pregiudizi accademici e le convenzioni visive.

Impressionismo: caratteristiche e pittori

ARTE ROMANTICISMO E IMPRESSIONISMO

In Géricault e in Delacroix la forza creatrice dell'individuo,uno dei grandi miti romantici, si afferma ad un grado che non è possibile trovare più alto in altre parti d'Europa; Courbet è tutto proiettato verso la realtà con una pittura ricca di fermenti morali, antropologica, sociologica;
Corot, Manet, gli impressionisti inventano un nuovo modo di vedere la natura e ce la restituiscono fragrante d'aria e di luce, quale non si era mai vista in pittura. Sullo scorcio del secolo, la cultura francese genera anche l'alta poesia di Cézanne, il suo cosmo ordinato da leggi segrete, cui si riconnettono alcuni aspetti fondamentali della visione figurativa del nostro secolo.
Naturalmente le condizioni che resero possibile un simile sviluppo erano tipiche, ma non esclusive della Francia. Esse vanno considerate in un quadro europeo in cui figurano come protagonisti anche l'Inghilterra e la Germania, impegnate anch'esse in
una grande opera di ricambio culturale fra Settecento illuminista e Ottocento romantico.