Arte etrusca e romana: riassunto

Appunto inviato da verardo88
/5

Descrizione dettagliata della pittura e dell'architettura dell'epoca degli etruschi e dei romani. Riassunto sull'arte etrusca e romana (1 pagine formato doc)

ARTE ETRUSCA E ROMANA: RIASSUNTO

Pittura VI-V a.C.: la tecnica usata è la pittura su tufo seguita dall’affresco (tecnica di pittura murale in cui i pigmenti terrosi, mescolati con acqua,vengono applicati sull’intonato fresco e ancora umido affinché s’incorporino allo afondo e si fissino ad esso sfruttando il processo chimico per cui la calce dell’intonaco, combinandosi con i gas carboniosi dell’aria, si trasforma in carbonato di calcio, divendendo una superficie compatta che ciude in sé il colore.le decorazioni sono imperfette ma policromatiche e luminose.

Pittura IV-III a.C: gli affreschi sono sempre più particolareggiati (rifiniti a tempera  tecnica di pittura che usa l’acqua per scogliere i colori e come agglutinanti sostanze quali chiare d’uovo, latte, colle, gomme o altro [olio eluso]) , compare il chiaroscuro (rappresentazione dell’idea di profondità), i colori diventano neutri e opachi.

Etruschi e romani a confronto

ARTE ETRUSCA E ROMANA CONFRONTO

Scultura: cinerario villanoviano: vaso bicononico decorato coperto con ciotola rovesciata>ciotola sostituita da elmo> regione chiusina VII a.C.

canopi di terracotta o metallo: vaso = corpo, manici ricurvi = braccia, coperchio con ritratto = volto (a volte coperto da maschera d’oro), base vaso= trono> uomo seduto cavo con testa come coperchio> zona di Volterra piccole urne di alabastro o marmo> VI a.C, sarcofagi di terracotta, pietra o alabastro: defunto steso su triclino in atto di banchettare> III a.C. nascita ritrattistica fittile e inzio abbellimento frontoni dei templi con lastre di terracotta con rilievi molto alti, quasi sculture a tutto tondo. Il bucchero: particolare ceramica (675-475 a.C.) la cui pasta, nera e lucida, richiedeva una cottura a temperature elevatissime, l’affumicamento e una mescola a base di carbonato di sodio. Architettura: 3 diverse tombe: tholos (edificio funerario circolare, a camera, con copertura a pseudocupola tenuta in sesto da terriccio trattenuto da muro di contenimento), ipogea (stanze scavate nel tufo risparmiando pilastri), rupestre (nella parete di valle ad U facciate di falsi templi e negli incavi depositati i sarcofagi o le urne).

Etruschi e romani: appunti di storia antica

ARTE ETRUSCA: PITTURA SCULTURA ARCHITETTURA

Il tempio etrusco si distingue dal tempio greco per la presenza del podio e per una decisa frontalità di impianto (colonnato disposto solo in facciata). La pianta del tempio etrusco è quasi quadrata a differenza di quello greco (pianta rettangolare). Gli etruschi, a differenza dei greci, non usano il marmo e i frontoni sono lasciati inizialmente vuoti, poi occupati da lastre di terracotta con rilievi molto alti.
~    In un primo periodo le pareti sono spartite in zoccoli, riquadri, cornici, pilastri differenziati dal colore che imita un rivestimento marmoreo senza raffigurazioni di scene (stile a incrostazione). Verso la metà del I secolo a.C. si afferma invece la rappresentazione di finte architetture