Realismo: il fenomeno dei macchiaioli

Appunto inviato da stefando
/5

In questo documento molto completo di informazioni viene trattato il seguente argomento: Realismo, il fenomeno della macchia (nato a Firenze, caffè Michelangelo). Inoltre vengono presi in considerazione due dei principali pittori del periodo: Lega e Fattori, con vita e opere (5 pagine formato doc)

Fin dagli anni Quaranta dell'Ottocento Firenze è considerata una delle capitali culturali più libere e attive d'Italia: un punto di riferimento per giovani artisti o perseguitati politici.
à Questa vivace schiera di intellettuali amava ritrovarsi nel centralissimo Caffè Michelangelo di Via Larga (attuale Via Cavour), un locale assai noto e frequentato.  I due intellettuali più influenti del gruppo del Caffè Michelangelo sono senza dubbio Diego Martelli (scrittore e critico d'arte fiorentino) che fu il primo a teorizzare la "macchia in opposizione alla forma"  e Telemaco Signorini, il quale propose di adottare per sé e per i suoi amici l'appellativo "MACCHIAIOLI" accettando, con ironia, un aggettivo che la stampa del tempo aveva invece coniato in senso dispregiativo.
Il movimento macchiaiolo nasce in questo ambiente e in queste premesse.