Realismo e Impressionismo: esponenti ed opere

Appunto inviato da meremarsh
/5

Caratteristiche del Realismo e dell'Impressionismo con analisi di alcune opere dei maggiori esponenti: Coubert, Manet, Degas, Monet e Renoir (7 pagine formato doc)

REALISMO E IMPRESSIONISMO

Realismo:

  • Francia 1848
  • Realismo → ogni indirizzo stilistico dove tutte le forme artistiche sono aderenti alla forma della realtà
  • In opposizione ad elementi romantici e neoclassici
  • Soggetti → episodi della vita quotidiana e contemporanea
  • Desiderio di denuncia sociale
  • Realtà rappresentata in modo crudo, netto → c’è ricerca di verità e non di bello estetico
  • Scuola di Barbizon → volontà di cogliere il vero rispetto ai paesaggi all’aperto.
    Molti artisti vanno a vivere in campagna → pittore principale era Rousseau, poi c’erano: Daumier, Millet, Coubert e Corot.
    Studiavano i dipinti all’aria aperta e aprono la strada agli impressionisti.

Il passaggio dal Realismo all'Impressionismo: riassunto

MANET E COUBERT

COUBERT → Ragazze in riva alla Senna, Lo spaccapietre, Funerale a Ornans.
Ragazze in riva alla Senna 1857:

  • scomposte, pigramente adagiate sul terreno
  • eccesso di realismo
  • paesaggio non particolare, ma uno qualsiasi
    figure sono soltanto presenze fisichi
  • impasti dei colori pesanti

Lo spaccapietre 1849:
• nessun tentativo di idealizzare la scena
• esaltata la meccanicità del lavoro e la ripetizione
• elementi realistici → toppe nei vestiti, zoccoli, pentolino per il pranzo e la posizione

Funerale a Ornans 1849:
• scena rappresentata in primo piano
• colori terrosi evidenziano i caratteri fisici
• rende l’idea dei mutamenti sociali che avevano cambiato il volto delle campagne → perdita dei punti di riferimento sicuri
• mescola tragedia e satira → confonde le classi sociali, insinua il disordine
• è un funerale poco religioso.

Impressionismo: Monet, Degas e Renoir

PASSAGGIO DAL REALISMO ALL'IMPRESSIONISMO

Impressionismo:

  • Parigi 1860 circa, dura 20 anni e gli artisti fanno 8 mostre
  • Fase iniziale con Manet → le sue opere destano scalpore
  • Rifiuto dell’apprendimento scolastico
  • Soggetti → vita quotidiana di Parigi
  • Nessuna volontà di denuncia
  • Interesse rivolto agli aspetti di luce e del colore
  • Pittura all’aria aperta → en plein air
  • Tecnica → non mescolavano il colore sulla tavolozza ma direttamente sul dipinto
  • Picchiettavano il colore puro che a una certa distanza viene ricomposto dall’occhio → leggi dell’ottica e della percezione visiva
  • Si concentravano non sul dettaglio ma sulla visione d’insieme
  • Inquadrature di tipo fotografico → idea dell’istantaneità e sensazione dell’attimo sfuggente
  • Le ombre sono colorate
    - Non utilizzano il nero
    - Accostano colori complementari
    - 1855 → primo padiglione del Realismo
    - 1863 → Manet espone La colazione sull’erba
    - 1874 → prima mostra impressionista
    - 1886 → ottava mostra impressionista