Picasso

Appunto inviato da lucabacca
/5

Relazione su Pablo Ruiz Picasso. (file.doc 2 pag) (0 pagine formato doc)

Picasso Picasso Nasce a Malaga, in Spagna, il 25 ottobre 1881.
Per la forza creativa che trapela dalla sua opera è ritenuto uno dei massimi artisti del secolo. Figlio di José Ruiz Blasco e di Maria Picasso, scelse di assumere il cognome della madre, perché secondo lui tutti i maggiori artisti del mondo avevano un cognome con la doppia esse (es. Matisse, Rousseau etc..). Il padre era professore di disegno alla Escuela de Artes Oficios di Màlaga, da cui egli trasse i primi insegnamenti. A dieci anni si trasferì con la sua famiglia a La Coruna, dove iniziò a frequentare la scuola di Belle Arti locale. Quattro anni dopo traslocò a Barcellona, dove continuò gli studi che integrò anche con corsi di pittura a Madrid.
Nel 1897 Picasso si legò all'ambiente artistico e letterario del cabaret Els Quatre Gats e iniziò a svolgere attività di illustratore per alcune riviste. Dopo un primo viaggio a Parigi, la capitale artistica d'Europa, l'artista condusse le sue prime e positive esperienze artistiche operando nel filone del realismo spagnolo. Dopo un secondo soggiorno a Parigi le opere dell'artista si ispirarono ad aspetti della condizione umana, alla cui resa drammatica contribuirono i ricordi della Spagna e l'essenzialità di visione di H. Toulose Lautrec. Egli ricorse all'uso di una monocromia azzurra che si adatta bene alle sue dolorose e malinconiche immagini di persone povere ed emarginati e che caratterizza quello che fu definito il "periodo blu", protrattosi fino alla primavera del 1904. Mateu Fernández Soto, 1901 Il ritratto è immerso in una dimensione fuori dal tempo e dallo spazio, in un'assoluta assenza di movimento. Picasso sceglie la monocromia, gioca tutta la composizione sui toni del blu, del verde, dell'azzurro spento e del grigio, con una tale insistenza da portare i critici a denominare gli anni tra il 1901 e il 1904 come "il periodo blu". La scelta del colore non è casuale, ma si richiama alla tradizione pittorica precedente, a cominciare da quella cristiana medievale che attribuisce al blu una forte spiritualità. Picasso sfrutta questi significati molteplici e ne potenzia la valenza emotiva, alla ricerca di una verità profonda e interiore, in grado di trasformare la semplice rappresentazione in una riflessione sull'esistenza. I quadri di questo periodo sono infatti venati da tristezza e malinconia, le figure che si ripetono con insistenza sono quelle di mendicanti, prostitute, vecchi e malati, tutti soli e disperati, emarginati dalla società, eroi della faccia oscura e torbida della metropoli parigina, forse quella più sincera. Nella primavera del 1904 l'artista lasciò la Spagna per trasferirsi a Parigi, dove trovò studio presso P.Durio a Montmartre, nell'edificio divenuto poi famoso come Bateau Lavoir, dove fu attivo uno dei primi gruppi del cubismo. Il mondo del circo fu tema ricorrente della maggior parte delle opere di quegli anni , realizzate con colori caldi e tonalità del lilla e del rosa, che caratterizzò tra il 1905 e il 1906 il