Art Noveau, Modern Style, Modernismo, Liberty

Appunto inviato da cluricaun
/5

L’Art Nouveau fu un movimento fiorito intorno al 1900 in Europa che interessò prevalentemente l’architettura e le arti minori. Pur avendo caratteristiche simili in ogni paese, il movimento assunse nomi diversi: Art Noveau, Modern Style, Modernismo, Liber (0 pagine formato doc)

L'ART NOVEAU L'ART NOUVEAU L'Art Nouveau fu un movimento fiorito intorno al 1900 in Europa, e particolarmente in Inghilterra, che interessò prevalentemente l'architettura e le arti minori.
Pur avendo caratteristiche simili in ogni paese, il movimento assunse nomi diversi. In Belgio e in Francia viene chiamato Art Noveau, in Inghilterra Modern Style, in Spagna Modernismo, in Italia Liberty o Stile Floreale. Complesse sono le convergenze che hanno determinato, in Inghilterra e poi nel continente, l'affermarsi del movimento artistico, sul quale agirono innanzitutto i fermenti innovatori maturati nel clima delle Arts and Crafts (Arti e Mestieri) di William Morris e le forme estreme dell'arte preraffaellita, aperte alle suggestioni del simbolismo, fatto artistico di importanza europea. Un'idea di novità, di modernità, di giovinezza accomuna queste definizioni.
Ed effettivamente l'Art Noveau reagì all'eclettismo architettonico e all'imitazione degli stili del passato, sforzandosi di creare un linguaggio nuovo (pur ispirandosi talvolta alla storia, per esempio all'arte giapponese o celtica). Caratteristica dominante della tendenza è l'uso della linea, intesa come energia dinamica e come valore ornamentale. Geometrica o vegetale, la linea crea asimmetrie che accentuano la fluidità e la continuità di spazi e superfici, indipendentemente dalla profondità prospettica. Tipica dell'Art Noveau è anche l'integrazione di tutte le arti: pittura, architettura, arti minori, furono considerati momenti di una identica volontà espressiva, senza gerarchie. Del resto i primi esiti dell'Art Noveau riguardarono le arti decorative, e solo in seguito si allargarono anche all'architettura. Anche la differenza tra struttura e decorazione venne ridiscussa: il nuovo stile negò la tradizionale subordinazione dell'ornamento, e anzi si ispirò a quest'ultimo, esaltando i valori della superficie e della bidimensionalità, l'uso di materiali “cedevoli” come porcellana, vetro, ferro battuto e terracotta. Ci fu anche una rivalutazione della manualità e dell'artigianato, dell' ”artisticità “ dell'oggetto, che si accompagnò all'ostilità nei confronti della macchina e della produzione industriale in serie. Le influenze che agirono più direttamente sulla formazione dell'Art Noveau si possono individuare nella cultura inglese (Arts and Crafts e tutta l'opera di Morris), nella diffusione della pittura simbolista, sensibile alla superficie, alla linea e alle “arti applicate”, nell'arte giapponese, di cui è permeato lo stesso simbolismo, nella teorizzazione dell'uso del ferro in architettura, iniziata da Le Duc e proseguita con l'opera degli architetti - ingegneri. Le convenzioni prospettiche diverse da quelle rinascimentali, la bidimensionalità e il senso decorativo della linea, la stilizzazione, il valore del vuoto sono alcuni degli elementi maggiormente ripresi della pittura giapponese.