Barocco: caratteristiche

Appunto inviato da marysaturday
/5

Riassunto sul Barocco: caratteristiche generali e analisi delle opere più famose di Caravaggio (Canestra di frutta, Bacco, Vocazione di San Matteo, Morte della Vergine) e di Bernini (Apollo e Dafne, L'estasi di Santa Teresa, Baldacchino, Colonnato di Piazza San Pietro) (4 pagine formato doc)

BAROCCO: CARATTERISTICHE

Barocco: Caratteristiche generali
Il Seicento è stato il secolo della Controriforma cattolica, le nuove certezze spirituali tentavano di contrastare il protestantesimo, ma queste finirono per irrigidire i dogmi della Chiesa.

Per la diffusione di masse delle idee controriformiste è l’arte ad assumere il ruolo principale.
Con questa, la Chiesa si propose pertanto di persuadere gli eretici e i dubbiosi, ma perchè questo avvenisse occorreva che l’arte avesse la grandiosità necessaria per imporsi, che non significava solamente imponenza e spettacolarità, ma capacità di sedurre, commuovere e conquistare il gusto. A questo proposito il Concilio di Trento raccomandava che la figura del Cristo venisse rappresentata afflitta, sanguinante, ferita ecc. in modo da suscitare un forte sentimento di pietà e devozione nelle masse.

Tesina sull'architettura del '600: Caravaggio, Bernini e Borromini


ARTE BAROCCA RIASSUNTO

L’arte del Seicento arriva a volte all’estremo: in architettura vi è la monumentalità delle costruzioni (richiamo dell’Antico nelle facciate), ai motivi architettonici si sovrappongono quelli scultorei, quindi la forma ha il sopravvento sulla funzione, la facciata perde la sua importanza architettonica e ne acquista un’altra scenografica. A Roma si demoliscono interi quartieri, si costruiscono nuove strade e palazzi, nel tentativo di ripristinare l’immagine di potenza e ricchezza della capitale. La città seicentesca è più da vedere che da vivere. In questo contesto vi è lo sviluppo del giardino, luogo di evasione; la sua realizzazione coinvolge ora anche la scultura, l’architettura, la botanica, l’idraulica e la meccanica.

Caravaggio, Bernini e Borromini: riassunto


BAROCCO ARCHITETTURA

Il termine Barocco non intende individuare uno stile ma lo spirito di un secolo. A partire dal XVIII secolo la definizione viene applicata al campo artistico con accezione dispregiativa (sinonimo di esagerato, bizzarro); oggi il termine non ha più nessuna valenza negativa. Il gusto barocco si diffuse in tutti gli Stati cattolici d’Europa e in moti Stati di recente colonizzazione in America centrale e meridionale; nato come esplicita risposta al protestantesimo questo arriverà in breve a essere accettato negli stessi Paesi protestanti (Germania, Inghilterra e Paesi Bassi).

Barocco: Caravaggio e Bernini


PITTURA BAROCCA

Michelangelo Merìsi detto Caravaggio - Nasce a Milano da una famiglia originaria di Caravaggio, piccolo centro del Bergamasco. La sua formazione è legato soprattutto all’ambiente lombardo, ma questi viene in contatto anche con il colorismo veneto, dal quale può aver attinto la particolare sensibilità per luci e ombre, caratteri distintivi della sua pittura. Nella seconda metà del XVI secolo in Lombardia vi è la compresenza di due tendenze, la cultura protestante e dell’attività controriformista.
Questi soggiorna nella capitale dove entra in contatto con il Cavalier d’Arpino, pittore di gran voga, e presso cui lavora, distinguendosi per la bravura nel dipingere nature morte, ma si dedica anche spesso alla pittura di genere. Nel 1595 entra nelle grazie del cardinale Francesco Maria del Monte, ambasciatore del Granduca di Toscana a Roma, che gli commissiona diverse opere.