Borromini: le opere

Appunto inviato da biteego
/5

Appunti approfonditi su alcune tra le più importanti opere del Borromini. ORATORIO DEI FILIPPINI, COLLEGIO DE PROPAGANDA FIDE, S. CARLO ALLE 4 FONTANE... (2 pagine formato doc)

BORROMINI BORROMINI: OPPOSTO DI BERNINI, MONDANO ED ESTROVERSO, CHIUSO E NEVROTICO, SI RECA A ROMA INTORNO AL 1620 - PRIMO LAVORO DI SCALPELLINO A ROMA - L'ARCHITETTO CARLO MADERNO GLI AFFIDA L'ESECUZIONE DEI DISEGNI DI ARCHITETTURE DELLA BASILICA - BORROMINI DEVE AFFRONTARE IL RAPPORTO DIRETTO CON BERNINI CON CUI LAVORO' AL BALDACCHINO DI S.
PIETRO - NEL 1642 NOMINATO ARCHITETTO DELL'ARCHIGINNASIO ROMANO, EBBE L'INCARICO DI COSTRUIRE LA CHIESA DI S. IVO ALLA SAPIENZA: COME S. CARLO ALLE 4 FONTANE BORROMINI RICORRE A TRIANGOLO EQUILATERO SIMBOLO DELLA TRINITA' - COMPENETRAZIONE DI DUE TRIANGOLI DA VITA A PIANTA ESAGONALE E STELLA SENZA PRECEDENTI - SPAZIO DELLA CAPPELLA SCANDITO DA SEQUENZA DI GIGANTESCHI PILASTRI CHE COSTITUISCONO L'ANDAMENTO DEL PERIMETRO CHE SI ALTERNA CON AMPIE CONCAVITA' A BREVI CONVESSITA' - LA CUPOLA REPLICA LA MEDESIMA FORMA ED E' AVVOLTA DA UN AMPIO TAMBURO CONVESSO, UNA PIRAMIDE VIBRANTE A GRADINI - C'E' UN CORTILE PORTICATO CINQUECENTESCO----- ORATORIO DEI FILIPPINI: COMMITTENTI DI BORROMINI APPARTENEVANO A ORDINI RELIGIOSI CHE AVEVANO UNA CONCEZIONE SEMPLICE E AUSTERA - BORROMINI DISTRIBUISCE I VARI AMBIENTI: ORATORIO SACRESTIA E BIBLIOTECA IN BASE A CRITERI DI FUNZIONALITA' - LA FACCIATA RIASSUME LE NOVITA' DELLO STILE DI BORROMINI - IL CORPO PRINCIPALE E' SUDDIVISO IN 5 SETTORI DA PARASTE DISPOSTE SU PIANTA CONCAVA - COLLEGIO DE PROPAGANDA FIDE: L'ARTISTA TIENE QUI CONTO DELLA COLLOCAZIONE URBANISTICA DELL'EDIFICIO: LA STRETTA VIA DI PROPAGANDA FIDE CONFERISCE UN TONO DRAMMATICO AL FORTE PLASTICISMO DELLA FACCIATA, IMPOSTATA SU UN ORDINE DI PARASTE CHE SI ELEVANO DA TERRA AL CORNICIONE - PARTE CENTRALE HA UN ARRETRAMENTO CONCAVO ----- REALIZZA ANCHE LA FACCIATA DI S. AGNESE ---- S.
CARLO ALLE 4 FONTANE: NEL CHIOSTRO UN RITMO DINAMICO E' OTTEBUTO DALLE COLONNE ABBINATE E LEGATE DA UN CORNICIONE UNIFORME CHE DA CONTINUITA' AL MOVIMENTO, GLI ANGOLI SONO SOSTITUITI DA CURCATURE CONVESSE CHE DANNO FLUIDITA' SPAZIALE - NEL PROGETTO BORROMINI RICORRE AL METODO MEDIEVALE DELLA TRIANGOLAZIONE - LA PIANTA E' ELLITTICA E RISULTA DA DUE TRIANGOLI EQUILATERI CON LE BASI CHE CONBACIANO CON L'ASSE TRASVERSALE - ALL'INTERNO DELLA CHIESA EFFETTO DI COMPRESSIONE E DILATAZIONE DELLA SPAZIO DATO DALL'ONDULAZIONE DEL CORNICIONE - LE COLONNE SONO DI UN UNICO ORDINE E DELLO STESSO COLORE DELLE PARETI - SI SUSSEGUONO PIANI CONVESSI E CONCAVI IN CUI SI APRONO 4 GRANDI NICCHIE - LA CUPOLA NON E' INNESTATA SUL CORPO DELLA CHIESA MA E' RACCORDATA DA UNA ZONA DI TRANSIZIONE A PENNACCHI - NELLA FACCIATA ORDINE PICCOLO E GIGANTE ED E' DISTINTA IN DUE PARTI( SUPERIORE E INFERIORE - LA DECORAZIONE PLASTICA SI FONDE CON L'ARCHITETTURA - LA NICCHIA CENTRALE CON LA FIGURA DI SAN CARLO E' L'EPISODIO PIU' CARATTERISTICO.