Casa sulla cascata di Wright: analisi, struttura e commento

Appunto inviato da avl
/5

Analisi e struttra dell'opera architettonica di Wright, "Casa sulla cascata" (2 pagine formato doc)

CASA SULLA CASCATA: ANALISI

Architettura del ‘900: Casa sulla cascata, Frank Lloyd Wright (1869-1959)
L’opera più giustamente celebre di Wright è la Casa sulla cascata costruita a Bear Run, in Pennsylvania, nel 1936.

voluta dal miliardario Edgar J. Kaufmann, la villa si trova immersa nella natura, all’interno di un bosco. Sorge direttamente su di uno spuntone di roccia, nel punto in cui un torrentello precipita per alcuni metri creando una suggestiva cascata naturale. La costruzione è realizzata con amore quasi artigianale, utilizzando  i semplici materiali del luogo.
Tale scelta non è mai un ripiego poiché le tecnologie impiegate per le parti a sbalzo di calcestruzzo armato sono avanzatissime e per nulla pionieristiche. L’inserimento nell’ambiente risulta straordinariamente armonioso, in quanto la struttura, nel suo complesso, non si presenta come un corpo estraneo, costruito da un volume chiuso e definito.

Domotica: tesina maturità

CASA SULLA CASCATA: STRUTTURA

Essa, al contrario, mette in evidenza  una serie di piani che si intersecano e si accavallano nello spazio, protendendosi nel vuoto, sopra la cascata, come  una sorta di meraviglioso organismo vivente. Centro organizzatore dell’intero edificio è l’enorme soggiorno vetrato che, tramite scale, affacci e  terrazze si apre verso il bosco e verso la cascata in un abbraccio straordinariamente naturale. Osservando la pianta del soggiorno lo vediamo ricco di rientranze e sporgenze apparentemente casuali, tutt‘ altro: esse sono millimetricamente determinate dalla preesistenza di un albero che non si voleva abbattere o dalla necessità  di affacciarsi sul torrente con una certa angolazione, per meglio ammirarne il corso. In questo modo natura e manufatto architettonico si integrano senza mai scontrarsi.

Wright: tesina sull'architettura organica

CASA SULLA CASCATA: INTERNI

Nell’interno anche gli arredi sembrano sorgere dalla struttura stessa. Il pavimento è della medesima pietra dello sperone di roccia esterno. I pilastri portarti sono rivestiti  in pietra del luogo, e pietra e legno sono anche le panche e i sedili che circondano perimetralmente il soggiorno, così come di legno naturale sono il finto lucernario del soffitto e buona parte degli infissi. Attraverso i setti verticali in pietra e quelli orizzontali si calcestruzzo armato Wright modella lo spazio in modo libero, introducendo dislivelli, affacci e aperture che creano infinite prospettive diverse, l’edificio, in questo modo, non ha un fronte o un retro, così come non è importante il sopra e il sotto, poiché ogni facciata ha la propria motivazione e il proprio significato, perfettamente autonomi e distinti rispetto a quelli delle altre facciate, ma con quelli al tempo stesso connessi.