IL DESIGN IN ITALIA 1945-2000

Appunto inviato da daniusca1989
/5

Sottsass è tra i più importanti esponenti della cultura progettuale italiana del ‘900. L'architettura Olivetti. Luigi Figini e Gino Pollini... (1 pagine formato doc)

IL DESIGN IN ITALIA 1945-2000 IL DESIGN IN ITALIA 1945-2000  Catalogo di una mostra itinerante che sta presentando alcuni tra i più significativi oggetti della Collezione Permanente del Design Italiano della Triennale di Milano nelle principali città del mondo, il volume Il design in Italia, curato da Silvana Annichiarico, presenta in successione cronologica 100 oggetti che -dal dopoguerra al 2000- hanno profondamente segnato e trasformato il modo di vivere degli italiani nel periodo cruciale che ha visto l'affermarsi, nel nostro paese, della cultura della modernità.
Si va dai primi prodotti in serie degli anni '40 e '50 al modernismo rigoroso e funzionale degli anni '60 e '70 via, via fino alle sperimentazioni formali degli anni '80 e '90, passando per oggetti ormai circondati da un alone di mito come la Vespa e la Lambretta, la macchina da scrivere Valentine, il telefono Grillo, la poltrona Blow o la lampada Tizio.
Ogni oggetto è presentato con una scheda tecnica, una o più immagini a colori e un intervento critico-storiografico che ne sottolinea ed evidenzia, di volta in volta, l'importanza formale, funzionale, tecnologica e sociale. Ne deriva un panorama composito e affascinante, che rende conto dell'evoluzione di uno dei settori più importanti della cultura e dell'economia italiana contemporanee: una storia di oggetti e di linguaggi, ma anche di aziende e di progettisti, di estetiche e di tecnologie, in un connubio di assoluta eccellenza e di indiscutibile originalità. In apertura del volume, un'ampia prefazione di Augusto Morello, Presidente della Triennale di Milano, ripercorre la storia dell'Italia del design, a partire da una cultura del saper fare che ha radici nobili e lontane.Valentine, macchina per scrivere portatile - design: Ettore Sottsass, 1969. Esposta nella collezione permanente di design al Museum of Modern Art di New York La Macchina da scrivere portatile Valentine ,uscita dalla penna di Ettore Sottsass ,uno dei piu' importanti designer del ventesimo secolo, a lungo collaboratore di Olivetti, e' parte della collezione di moltissimi musei importanti del mondo, fra i tanti citerei quello che e' quasi l'icona del design mondiale, il MOMA (il museo di arte moderna di New York).Valentine e' rossa fuoco (anche se esistono delle rare varianti in altri colori) ed ha un nome di donna, sbarazzino e sexy come la Valentina di Guido Crepax !Valentine e' di plastica, e' leggera ed ha una forma che non ha nulla a che vedere con le barbose macchine da scrivere verdi, grigie o celestine del passato. Non vive in ufficio, e' una portatile, fatta per l'azione, non e' una macchina da riporre subito dopo l'uso ma da lasciare in giro per quanto e' bella. E' agile, fresca, nuova (chi "valentine" forse mangia le mele?) e , sorpresa incredibile, e' anche un ottima macchina da scrivere, l'ideale compagna del giornalista giovane che la porta sempre con se'.ETTORE SOTTSASS JR.: Nato a Innsbruck nel 1917, accostatosi all'architettura sulle orme del padre