Edouard Manet: opere

Appunto inviato da simpleplanlalla
/5

Caratteristiche della pittura di Manet, breve cenni alla sua vita. Analisi delle principali opere di Edouard Manet: Colazione sull'erba, Olympia, La lettura, Il balcone e Il bar delle Folies-Bergère (8 pagine formato doc)

EDOUARD MANET OPERE

Edouard Manet. Manet nasce nel 1832, e muore nel 1883.

lottò con la famiglia di origine borghese che lo voleva avviato in altre attività. Quando finalmente il padre lo lasciò libero di decidere la sua vocazione, egli entrò nello studio accademico del pittore Thomas Couture dove rimase per ben sei anni. Tentò più volte di esporre al Salon ma tutte le sue opere vennero rifiutate. Nel 1861 però il pubblico poté giudicarlo, quando Manet espose Il “Chitarrista Spagnolo”.
Le sue opere si pongono come una rielaborazione di temi classici. Nel 1863 “La Colazione sull'erba” venne esposta al Salon des Refusés e divenne immediatamente oggetto di scandalo.

Caratteristiche della pittura di Manet:

- Pennellate Tirate
- Rimandi coloristici
- Colori piatti
- Colori lucenti
- Pitture studiata per il rapporto cromatico
- Assenza di chiaroscuro
- Uso del bianco
- Velature di colore 

Manet e l'Impressionismo: riassunto

EDOUARD MANET OPERA D'ARTE: COLAZIONE SULL'ERBA

EDOUARDE MANET – LE DEJENEUR SUR L'HERBE
1862/1863 – Olio su tela, 208x264 cm – Musée D'Orsay, Paris
Nel dipinto sono rappresentati due studenti con una donna nuda. Manet aveva studiato i classici e qui si vede che i piani di profondità sono velature come faceva Rembrant. La donna sullo sfondo non si sa se é quella rappresentata in primo piano. I due uomini parlano e la donna guarda lo spettatore. Una colazione sull'erba. Macchie di colore ampie senza contorno, ricorda Courbet e i pittori del mondo antico, dal “Giudizio di Paride” di Raffaello.

Edouard Manet: riassunto

MANET: OLYMPIA, LA LETTURA E IL BALCONE

EDOUARDE MANET – OLIMPYA
1863 – Olio su tela, 130x190 cm – Musée D'Orsay, Paris
In questo dipinto é rappresentata una prostituta che assomiglia ad una Venere, sta per ricevere un cliente abituale, guarda lo spettatore consapevole della sua vita. Letto drappeggiato. I fiori alludono alla prostituta. Diventa oggetto del dipinto quello di cui la borghesia del tempo non vuole parlare: rappresenta la realtà come la Maya Desnuda e la Venere di Urbino. Semplificazione del colore, Manet abbandona il chiaroscuro e i piani prospettici: lavora per macchie e velature di colore. Scandaloso: Olimpya rompeva con il passato dal punto di vista coloristico, rapporto cromatico studiato, macchie di colore che si mettono in relazione le une con le altre che vanno a fermare ogni piccolo particolare. Pittura attentamente studiata per il rapporto cromatico e le macchie coloristiche di Manet, rimandi cromatici, accostamenti.

EDOUARDE MANET – LA LETTURA
1865/1872 – Olio su tela, 61x74 cm – Musée D'Orsay, Paris
Cromie che si accostano e si riprendono, macchie larghe e allungate, leggera linea di contorno nera. Attimo di concentrazione e atteggiamento. Leggerezza, trasparenza, freschezza. Taglio fotografico dell'uomo dietro. Sole evidente.

EDOUARDE MANET – IL BALCONE
1868/1869 – Olio su tela, 170x124,5 cm – Musée D'Orsay, Paris
Persone colte nell'atto di guardare una festa che si sta svolgendo per la strada. Uomo quieto, tranquillo, la donna guarda lontano con un abito ricco. La donna in piedi é una figura giapponese per contorni e postura. Manet riprende scene di vita borghese.