Erich Heckel: biografia e opere

Appunto inviato da simpleplanlalla
/5

La vita e la descrizione di due opere di Erich Heckel, quali: Giornata cristallina e Ragazza con bambola (4 pagine formato doc)

ERICH HECKEL: BIOGRAFIA E OPERE

Erich Heckel nasce nel 1883 e muore nel 1970.

Aveva un catattere più lirico e meno duro di Kirchner e ciò lo portò alla comprensione del Fauvismo francese, soprattutto dal 1908. Il binomio che anima le sue opere é la contrapposizione tra un ordinamento severo, architettonico, delle forme e la libertà orgiastica dei suoi colori. In molte sue opere le pennellate si dispongono in modo da creare strutture geometriche ed effetti di riflessione cristallina. Dal 1914 cominciò ad accogliere suggestioni orientali che fecero rasserenare e impallidire la sua pittura. 

ERICH HECKEL – GIORNATA CRISTALLINA, 1913 - Olio su tela – 138 x 114 cm – Staatsgalerie Moderner Kunst, Monaco. Linee spezzate, triangoli formati sia dai segni sia dalle pennellate.

Heckel usa delle tinte più luminose, più chiare e ha una visione del mondo più positiva di Kirchner. Resa benissimo dai riflessi, immagini sintetiche. Cristallino reso dal colore, strutturale per il dipinto. Il cristallo del ghiacciaio che viene rappresentato nella montagna, si incunea nella montagna. Riflesso del ghiacciaio nell'acqua. Lo stile di Hackel si caratterizza a questo ricorso all'emotività positiva. Figura femminile bella, resa in modo molto sintetico, ha delle curve morbide, nei seni e nel ventre che riporta ad un discorso di femminilità positiva, diversa da Munch o Kirchner. Quadro gioioso. Triangolature tipiche di Kirchner. Tematica che ci ricorda alcuni francesi: quella della bagnante. Corpo caratterizzato da alcune linee curve, alcune linee più dolci, ci ricordano i colori di Cèzanne. Colori più limpidi, più solari.

Il Die Brucke: descrizione e significato

ERICH HECKEL – RAGAZZA CON BAMBOLA, 1910 - Olio su tela – Serge Sabarsky Collection. Dal punto di vista formale é meno violento rispetto a “Marcella” di Kirchner perché vi sono meno spigolature e più linee curve, più assonanza cromatica. Caratteristici dell'espressionismo tedesco i visi a triangolo.