Bramante, Leonardo, Michelangelo

Appunto inviato da singer
/5

Appunti di storia dell'arte su Bramante, Leonardo e Michelangelo (1 pagine formato doc)

BRAMANTE LEONARDO MICHELANGELO

Leonardo da Vinci. Grande importanza ebbe per lui lavorare come artigiano in bottega visto che a coloro i quali praticavano questo mestiere si richiedevano conoscenze in diversi campi.

La sua grande conoscenza in anatomia gli permise di raggiungere una notevole potenza comunicativa e realistica. Questo concetto si applica nella Madonna di Benois. Nell’Adorazione dei Magi, invece, tutte le direttrici della composizione convergono al centro dove la Vergine ha in braccio il Bambino.Lo spazio attorno dimostra chiaramente che gli artisti hanno ormai abbandonato la prospettiva del Quattrocento.
Nella Vergine delle rocce risaltano i fenomeni ottici. E’ la variabilità dei corpi a determinare il variare dei colori.
Il Cenacolo rappresenta il vertice della ricerca artistica di Leonardo in cui sono presenti studi anatomici, rapporto tra luce e illusione spaziale e prospettica oltre che sperimentazione tecnica e materiale.
Gli apostoli sono divisi in triadi e al centro domina l’immagine piramidale di Cristo su cui l’impianto spaziale chiaro e severo è concentrato. I personaggi sono resi in una scala superiore al naturale.
Leonardo stabilì un nuovo modello di ritratto che s’identifica ne “La Gioconda”. Il soggetto è ritratto in una posizione sopraelevata rispetto allo sfondo. La superficie cromatica è formata dal sovrapporsi di numerosi strati di vernice così sottili da conferire ai pigmenti una sorta di velata, soffusa e trasparente luminosità interna.

Le opere di Leonardo da Vinci, Michelangelo e Raffaello

DONATO BRAMANTE

Donato Bramante. Nella sua prima realizzazione, Bramante applica all’architettura i principi dell’illusione prospettica. Nella ricostruzione della chiesa di Santa Maria si rifà alla chiesa di Santo Spirito del Brunelleschi. Per Bramante gli elementi architettonici che non possono essere costruiti, possono essere rappresentati dipingendoli.
In Santa Maria delle Grazie, Bramante dà vita ad un’architettura completamente nuova: l’impianto centrale è articolato in spazi e volumi legati fra loro da un nesso gerarchico.
Il cristo alla colonna suscita nello spettatore un forte coinvolgimento emotivo.

Leonardo da Vinci, Michelangelo e Raffaello: opere

MICHELANGELO BUONARROTI

Michelangelo Buonarroti. Studia con passione le opere di Giotto e Masaccio e in oltre egli impara il significato delle fonti antiche e il valore ideale che la civiltà classica riveste per la cultura del Rinascimento. La Pietà afferma le sue qualità artistiche. La statua è modellata su iconografie di origine nordica: Cristo morto sostenuto dalle braccia della Vergine. La statua non rappresenta in sé la Madonna e il Cristo bensì il sentimento di pietà che infonde.
Il David viene scolpito nel momento in cui egli fissa l’avversario dunque la sua espressione mostra la forte tensione fisica e psicologica. La concentrazione è in oltre evidente nei dinamici contorni e nei muscoli riprodotti con la massima precisione anatomica. I piani e le masse del corpo sono volume e materia vibrante d’energia.