Leonardo da Vinci: vita e opere

Appunto inviato da tranesend
/5

Ricerca su Leonardo da Vinci: vita, opere e invenzioni e descrizione dettagliata della "Vergine delle Rocce", "Il Cenacolo" e "La Gioconda" (1 pagine formato doc)

LEONARDO DA VINCI: VITA E OPERE

Leonardo da Vinci nacque a Vinci nel 1452 è stato architetto, scultore, e pittore: inoltre si occupo anche di anatomia, e fu un inventore, considerato uno dei geni dell’umanità.

Oltre alle opere pittoriche, è autore anche di vari schizzi, tre dei quali ci inducono al suo stile. Il primo è la Testa Femminile, che raffigura un capo femminile chinato in avanti e con un’elaborata acconciatura: i capelli tramite un effetto di luci e ombre, fanno risaltare il volto della fanciulla. In questo schizzo è utilizzata la tecnica dello sfumato.
Un altro schizzo è il disegno anatomico che raffigura due crani, dei quali quello in alto è parzialmente sezionato mentre quello in basso è completamente sezionato.  Quest’ ultimo è in proiezione ortogonale ed  e vi sono delle linee che, incrociandosi, individuano  i punti che corrispondono alle convinzioni anatomico-filosofiche dell’artista, per esempio la presenza di un senso comune che coordinerebbe le impressioni dovute ai 5 sensi.  Un terzo disegno è il cartone con “Sant’Anna, la vergine, il bambino e san Giovannino”.

Leonardo da Vinci: opere d'arte e vita


OPERE DI LEONARDO DA VINCI

I personaggi raffigurati sono collegati da una catena di parentela ma anche da una catena di sguardi. Sant’Anna, la madre di Maria, volge lo sguardo infatti verso Maria, che a sua volta guarda Gesu che tiene in braccio. Gesu è guardato da Giovannino, che inverte la direzione della “catena”.  In questo disegno vengono mostrate due tecniche fondamentali di Leonardo: il contrapposto, ossia un bilanciamento delle masse corporee che subiscono una torsione attorno ad un asse; e lo sfumato, ossia il passaggio graduale dall’ombra alla luce e la perdita graduale della precisione dei contorni.  Oltre a questi abbiamo,anche degli schizzi che raffigurano modelli di chiese a pianta centrale o edifici, che appartengono soprattutto al periodo milanese di Leonardo.
 Una delle   opere più importanti che realizzò Leonardo è La vergine delle rocce, iniziata poco dopo il suo arrivo a Milano.

Leonardo da Vinci: riassunto


LEONARDO DA VINCI: INVENZIONI

Si tratta di un olio su tavola trasportato su tela iniziato nel 1483 e finito nel 1486. E’ ambientato in un luogo scuro e roccioso, nel quale si intravedono spazzi di luce ed un paesaggio molto lontano, e nel quale sono raffigurati la Vergine, Gesù, un angelo e San Giovannino.  Le specie erbose che sono distribuite con equilibrio nella composizione e che stanno  attorno a Gesu ed a San Giovannino, sono un richiamo alla vita. Maria abbraccia con il braccio destro Giovannino, e la sua mano sinistra si trova aperta sul capo del Gesu come segno di protezione. Le figure, che si possono inscrivere in una piramide, emergono dallo scuro con la tecnica dello sfumato Leonardesco.  In questa composizione si possono capire due convinzioni dell’artista: una è quella secondo cui un dipinto deve dare sensazione di rilievo, e l’altra è che la perfetta esecuzione del paesaggio deve essere pari a alla conoscenza della figura umana.
Un’altra opera importante di Leonardo è il Cenacolo, una tempera e olio su intonaco, cominciato nel 1495 e finito nel 1497. Questo dipinto, di notevoli dimensioni, si trova nel convento i Santa Maria delle Grazie. 

Leonardo da Vinci: biografia


LEONARDO DA VINCI: OPERE D'ARTE

Il dipinto raffigura l’ultima cena. Lo stesso tema è stato affrontato da più artisti che raffiguravano il Cristo colto nell’atto di benedire pane e vino, affiancato dagli apostoli a destra e a sinistra. Giuda invece si trova di fronte a Gesù. Leonardo cambia l’iconografia, raffigurando nella sua opera il momento in cui Cristo annuncia il tradimento di Giuda.  Gli Apostoli, sbalorditi da quanto annunciato, si raggruppano tre a tre allontanandosi da lui, isolando e mettendo in evidenza allo stesso tempo la figura del Redentore. Cristo non ha aureola e non è indicato dunque come divino. In quest’opera Leonardo riesce a rappresentare pensieri ed emozioni con il linguaggio dei corpi studiati nei minimi particolari.