Il neoclassicismo: Jacques-Louis David e Francisco Goya

Appunto inviato da ari00
/5

Breve introduzione al neoclassicismo, con particolare riferimento a Jacques-Louis David e Francisco Goya. (file.doc, 2 pag) (0 pagine formato doc)

IL NEOCLASSICISMO IL NEOCLASSICISMO Il Neoclassicismo è una corrente culturale, che coinvolge tutte le arti, che si colloca tra la metà del Settecento e i primi decenni dell'Ottocento (1750 circa).
E' questo un periodo di grande sconvolgimento politico e sociale, basti pensare alla Rivoluzione industriale che portò con sé l'Urbanistica, e alla Rivoluzione francese del 1789, che vide come proprio protagonista il giovane generale Napoleone Bonaparte, diventato in seguito primo ministro ed ancora imperatore. Il fine del Neoclassicismo è quello di creare un “nuovo classicismo”, mediante il recupero delle civiltà antiche e della cultura classica, greca e romana, che si oppone agli eccessi decorativi del rococò. Importanti sono quindi le scoperte archeologiche d'Ercolano e Pompei, che portarono alla luce numerosi oggetti antichi, divenuti modelli d'imitazione.
I due elementi fondamentali del neoclassicismo sono le idee d'ideale estetico, che si esprime mediante la ricerca del bello ideale, e d'ideale etico, con la rinascita del mito dell'eroe. Il classicismo si può inoltre distinguere in due fasi: quella prerivoluzionaria e rivoluzionaria, che si rifà alla tradizione greca, e quella imperiale, attaccata alla tradizione romana. L'URBANISTICA Dal punto di vista urbanistico è importante notare, durante l'età napoleonica, l'attuazione delle idee illuministe e neoclassiche di chiarezza razionale. Per esempio Piazza Plebiscito a Napoli fa parte dei progetti per la ristrutturazione urbanistica di alcune zone cittadine (iniziata da Giuseppe Bonaparte e da Gioacchino Murat durante l'età napoleonica), ristrutturazione che investe anche altre città dell'Italia meridionale, come per esempio Bari. Qui, accanto alla città vecchia, ricca di monumenti, chiusa dentro la cinta muraria, sorge una nuova città, detta “murattiana”, dalle vie ampie e rettilinee, che si intersecano ad angolo retto come in una scacchiera. Oltre alla pianificazione cittadina è importante ricordare che, per poter mantenere i contatti tra zone così lontane tra loro, Napoleone dedicò molta attenzione alle strade, che sul finire del XVIII secolo apparivano rivestite da ciottoli e raramente avevano un selciato. JACQUES-LOUIS DAVID Il David, al contrario di Mengs e di Canova, esprime l'ideale etico: l'uomo eroe, che assume su di sé l'impegno di liberale la patria, con la coscienza della propria dignità e del dovere. IL GIURAMENTO DEGLI ORAZI La scena si svolge in un cortiletto, dove un porticato a tre arcate divide lo spazio in tre zone, ognuna corrispondente a uno dei tre momenti psicologici: al centro, il vecchio padre che esige il giuramento “vincere o morire”, prima di affidare le spade ai figli a sinistra, i tre fratelli Orazi, con la loro adesione totale, senza tentennamenti né rimpianti a destra, le tre donne nella loro angoscia e nel loro dolore. La determinazione dei tre uomini è data dal rigore geometrico delle linee, costituite dalle gambe, dalle bracci