La Porta del Paradiso del Battistero di Firenze

Appunto inviato da heidi91
/5

Porta del Paradiso: descrizione della terza porta del Battistero di Firenze di Ghiberti (1 pagine formato doc)

LA PORTA DEL PARADISO DEL BATTISTERO DI FIRENZE

La porta del paradiso. La costruzione della terza porta del Battistero che Michelangelo chiama "Porta del Paradiso" viene affidata al Ghilberti nel 1425 fino al 1452.

Le formelle della porta erano più vaste delle precedenti e non erano più 28 ma 10 racchiuse in una semplice cornice quadrata, che permette al Ghiberti di raggruppare diversi episodi delle storie dell'Antico Testamento in un medesimo riquadro, ambientando i fatti in piani spaziali diversi, suggeriti a tutto tondo, ora appena affiorati dal fondo. Nel gruppo delle formelle più tarde con Esaù e di Isacco, di Giuseppe e di Salomone, il Ghiberti fa intervenire l'architettura come elemento di unificazione di prospettiva, con un punto centrale e una precisa relazione tra figure e architetto.

Concorso del 1401 a Firenze per la porta nord del Battistero

PORTA DEL PARADISO DEL BATTISTERO DI FIRENZE GHIBERTI

Il Ghiberti mirava a far apparire più grandi le figure in primo piano e più piccole quelle sullo sfondo, come nella realtà, perciò nella Porta del Paradiso la prospettiva era distribuita tridimensionalmente.

In tal modo, la Porta del Paradiso, comprende un numero variabile di scene all'interno di ciascun rilievo. I committenti dell'arte di Calimaia furono contenti della porta realizzata dal Ghiberti, anche egli la indicò come la propria opera migliore. La porta, per la sua straordinaria bellezza, decisero di istallarla non nel luogo originario ma al posto dell'esistente porta orientale; questa di conseguenza fu spostata sul lato nord e sostituita dalla nuova porta. Grazie all'arte sublime di Lorenzo Ghiberti, per la prima volta, la collocazione veniva scelta per ragioni estetiche e non contenutistiche.

Lorenzo Ghiberti: riassunto

BATTISTERO DI FIRENZE: PORTE

Il battistero. Il Battistero è caratterizzato all'esterno da tre porte: la porta a sud è stata fatta da Andrea Pisano e quelle a nord e ad est (Porta del Paradiso) sono state realizzate dal Ghilberti. Esse sono suddivise in varie formelle rappresentanti scene religiose tra cui il sacrificio di Isacco e le storie di Giuseppe. All'interno c'è la cupola a forma di piramide ottagonale che è rivestita da grandi mosaici.