Il primo Quattrocento fiorentino: Masaccio e Donatello

Appunto inviato da chen1
/5

Brevi appunti su due autori del primo Quattrocento fiorentino, Masaccio e Donatello. (1 pg - formato word) (0 pagine formato doc)

Il primo quattrocento fiorentino, Masaccio e Donatello Il primo quattrocento fiorentino, Masaccio e Donatello MASACCIO: Vita cortissima, muore appena ventisettenne.
Innovazione: cerca di trasporre nella pittura quello che Brunelleschi aveva inserito dell'architettura, ovvero i nuovi ideali umanistici di laicismo, classicismo e razionalismo. Studio del realismo, concepimento nella pittura dell'uomo con passioni terrene, sentimenti e dolori fisici. Studio dal vero e chiaroscuro curato, non idealizzato. Allievo di Masolino da Panicale, originario come Masaccio dal Valdarno, lavora con esso come artista di pari esperienza, seppur notevolmente più giovane e di impronta stilistica diversa da Masolino (che seguiva il filone del gotico internazionale). Masolino e Masaccio: Sant'Anna con la madonna Trinità Trittico con madonna in trono e santi Nel Polittico di Pisa: Madonna in trono con il bambino e quattro angeli Crocefissione DONATELLO: Donatello non può essere racchiuso entro una definizione, in quanto egli sperimenta, nel corso della sua carriera, numerose forme artistiche contrastanti.
Non c'è in percorso lineare, solo scarti continui e mutazioni, mirate a cercare una soluzione finale che però non viene mai confermata. Perciò, a differenza di Brunelleschi e Masaccio, Donatello non traspone nell'arte la razionalità e l'austerità classica o matematica, ma attraverso varie fasi egli prova il pensiero umanistico, antiumanistico, classico e anticlassico. L'arte di Donatello racchiude in sé anche la psicologia dell'artista, votata alla sperimentazione e alla ricerca.