Programma di storia dell'arte

Appunto inviato da jojothebest
/5

Appunti su tutte le avanguardie e i movimenti artistici affrontati in quinta di storia dell'arte; realismo, impressionismo, macchiaioli, post impressionismo, espressionismo, die bruke, fauves, cubismo, futurismo, surrealismo, dadaismo, astrattismo e l'esperienza Bauhaus (9 pagine formato doc)

STORIA DELL'ARTE 
REALISMO
Periodo subito successivo al romanticismo.
Si mettono in luce le condizioni pessime dei contadini.
Gli artisti realizzano che non possono piu mettere in luce solo i propri sentimenti o le battaglie, gli eroi.
Ora si rendono conto che se si vuole essere moderni e impegnati socialmente bisogna mettere in luce aspetti recenti, non rifugiarsi piu nel passato ma nel presente.
Courbet racconta la vita di tutti i giorni, la vita reale. Fu sempre chiamato il maledetto realista.metteva tutto in luce in modo obiettivo, senza includere i propri sentimenti.
È il primo artista bohémien, che vive in maniera determinata, accetta le conseguenze delle sue scelte di vita in modo lucido, consapevole, è emarginato dalla società, non si curava delle apparenze.


Un artista del passato ribelle come Courbet era Michelangelo che non accettava regole (anche artisticamente parlando). 

I MACCHIAIOLI
Un fenomeno realista Italiano è quello dei macchiaioli. Realismo = riferito a Courbet e comunque a tutti quelli che rappresentano il vero.
Il nome deriva dalle pennellate che usano, delle macchie con cui sintetizzano la realtà.
Le opere dei macchiaioli hanno questa sintesi dell'immagine. Sono realisti nella scelta dei soggetti, della realtà quotidiana.
I macchiaioli si formano a Firenze fin dagli anni 40 dell'800. Firenze era una città che dava ospitalità agli artisti piu innovativi e qui si trovavano in un caffè, il café Michelangelo un gruppo di artisti intellettuali e letterati che avevano voglia di discutere, di confrontarsi. Nasce quindi la tradizione della discussione artistica nei locali pubblici, come gli impressionisti per esempio.


Diego Martelli idealizzò questa tecnica delle macchie. 
Stavano cercando un nuovo modo per restituire all'immagine del vero, una forma più vera, che non sia la pittura tradizionale.