il romanico nella sicilia normanna

Appunto inviato da lafatinatartina
/5

Concisa descrizione su: impianti planimetrici, forma degli alzati, materiali da costruzione de: il romanico nella sicilia normanna (1 pagine formato doc)

IL ROMANICO NELLA SICILIA NORMANNA IL ROMANICO NELLA SICILIA NORMANNA Impianti planimetrici: le chiese sono d'impianto basilicale a 3 navate, divise da colonnati classicheggianti, in gran parte realizzati reimpiegando marmi antichi, sui quali si impostano arcate di profilo ogivale; le navate sfociano in uno spazio detto santuario, di derivazione bizantina, che fonde in sé transetto e presbiterio; nella parete di fondo del santuario si aprono le absidi, solitamente 3.
Forma degli alzati: la chiesa è spesso preceduta da un nartece, che può essere affiancato da due alte torri si parla di facciata armonica; all'interno il santuario si differenzia dall'aula principale anche per la copertura, normalmente a volta a crociera su robusti pilastri, rispetto alla più lineare copertura a capriate delle navate. Materiali da costruzione: gli interni sono suntuosi per la preziosità dei materiali (pavimenti a intarsi marmorei policromi) e sfavillanti per le vastissime superfici coperte da mosaici a fondo oro; più sobri i pavimenti murari esterni, in conci in pietra, ma ugualmente connotati da gusto per la policromia, con l'impiego di pietre di diverso tipo e colore.
Vedi il Duomo di Monreale pag. 206