La scultura greca arcaica e classica: riassunto

Appunto inviato da jeky900
/5

Riassunto sui periodi più significativi dell'arte greca: scultura arcaica e scultura classica (2 pagine formato doc)

LA SCULTURA GRECA ARCAICA E CLASSICA: RIASSUNTO

La scultura greca.

La figura umana è il soggetto più rappresentato nella scultura greca. Le statue più antiche del 8-6 secolo erano in legno (xoàna) e si sono perdute, ma sono giunte a noi quelle di pietra e di marmo, come la statua di Nicadro.
Queste raffiguravano prevalentemente giovani uomini ( kuroi ) e givani donne vestite (korai) . La parte destra della scultura era quasi uguale a quella sinistra, se non per una gamba un po’ avanzata e un braccio alzato, come L'Apollo di Sunio e il Moscoforo (che rappresenta Rhombos che sostiene un vitello sulle sue spalle.

Scultura classica: le statue greche


SCULTURA GRECA CLASSICA

Sono sculture erette con uno scopo propiziatorio e rigidamente frontali.

Dal 5 secolo si evidenzia un vivo interesse per l'anatomia e la rappresentazione del movimento . Nel mondo greco le divinità hanno forma umana il loro corpo , rappresentato nel pieno della giovinezza e del vigore, comunica l'idea di una bellezza perfetta , immortale.
I grandi scultori del 5 secolo ( MIRONE , POLICLETO , FIDIA ) e del 4 ( SKOPAS, PRASSITELE, LISIPPO )
esaltano la perfezione della muscolatura e studiano accuratamente l'armonia e la proporzione fra le parti del corpo , mostrando una grandissima abilità tecnica. Dal 3 secolo in poi l'ideale dell'uomo greco perfetto viene abbandonato. Ci si allontana dalla bellezza e le immagini riproducono anche i difetti fisici e i corpi non sono più giovani ed atletici . Si sviluppa la ritrattistica per tramandare il volto degli uomini illustri.
Gli eroi della cultura greca sono ora i grandi protagonisti della storia : condottieri, politici ,filosofi,poeti e artisti. Lo scopo di queste opere è soprattutto celebrativo; infatti l'artista vuole comunicare la personalità del soggetto rappresentato.

Scultura greca classica: riassunto


SCULTURA GRECA: RIASSUNTO

L'evoluzione della scultura. Si divide in:
PERIODO ARCAICO (650-480 A.C. )
A questo periodo risalgono le statue dei kouroi e delle korai, che rappresentano probabilmente portatori di offerte alle divinità. La produzione si orienta secondo       3 stili fndamentali:
DORICO, schematico e rozzo. Si sviluppa nell'area occidentale della grecia. è caratterizzata dalla predilezione per la figura umana (soprattutto maschile), dalla formazione di figure semplici e squadrate e dall’adozione di proporzioni robuste rifuggendo da ogni particolarismo e da ogni suggerimento di moto; l’effetto che ne deriva è, nel complesso di solidità e potenza.
IONICO, delicato e dettagliato nei particolari. ricerca preziosità e pittoricismo di effetti attraverso l’eleganza dei contorni e la sottigliezza vibrante dei panneggi che ispira un maggior movimento; le figure risultano quindi meno rigide e spigolose ma più dolci e slanciate.

Età classica greca: riassunto di arte sulla scultura classica e pittura classica


SCULTURA ATTICA

ATTICO, rappresenta una fusione dei 2 stili precedenti. Si sviluppa ad Atene. ha origine ad Atene nel VI secolo a.C.; in essa le due tendenze si fondono formando figure che posseggono sia la forza dorica che la grazia ionica.