La fotografia nella Pop art

Appunto inviato da francescgoti
/5

La fotografia nella Pop Art e i suoi protagonisti: Andy Warhol e Diane Arbus (3 pagine formato doc)

POP ART FOTOGRAFIA

Gli anni '60.

Fino agli anni ’50 la scena si divide fra Europa e USA. Negli anni ’60 il “motore” dell’arte è decisamente l’America.
POP ART: NEGLI STATI UNITI DAGLI ANNI ‘60
CONTRAZIONE DI POPULAR ART
“POPULAR”  NEL SENSO DI “MASSA”
CULTURA DI MASSA  cultura caratterizzata da forme di comunicazione più in generale di una vita massificata: abitudini, comportamenti, cibi,
abiti, oggetti ecc….
RUOLO FORMATIVO DEI MEDIA → LA FOTOGRAFIA nella cultura pop è oggetto fra gli oggetti e come tale viene utilizzata dagli artisti ma evidentemente la sua influenza e il suo ruolo sulla POP AER vanno considerati in modo più profondo
POP ART influenzata dai media, infleunzata dalla fotografia.
La fotografia, come gli altri media, plasma la nostra sensibilità, gli artisti della POP ART ne assorbono i caratteri e li traducono simbolicamente nei linguaggi dell’epoca.L’idea di estroversione di Lippard
Altri caratteri fotografici presenti nella POP ART:
•    Estroversione
•    Ingrandimento
•    Isolamento
•    Ripetizione
•    Ecc…

Ricerca sulla Pop art: caratteristiche e artisti

POP ART LICHTENSTEIN

Si può essere fotografi anche senza usare la fotografia.
R. Lichtenstein (1923-1987) protagonista pop che non usa la fotografia, ma il fumetto, restando comunque legato alla fotograficità; nei suoi lavori sono presenti caratteri fotografici come l’isolamento e l’ingrandimento;
C.

Oldenburg (1929) usa gli stessi principi  isolamento e ingrandimento; filtrare il proprio rapporto con le cose sulla base di un occhio meccanico, decontestualizzando;

ANDY WARHOL

ANDY WARHOL. Pur utilizzando in alcuni lavori i principi di isolamento e ingrandimento, arricchisce il repertorio con la ripetizione e la serialità (Bottiglie di coca-cola verdi, 1962). È stato bravo a sponsorizzarsi e ad auto-ironizzarsi tramite la fotografia. Un esempio sono le foto che lo ritraggono al supermercato o a casa con la madre. Warhol diventa una rockstar, tanto che nel ’68 subisce un attentato. Le prime opere richiamavano molto una pittura automatica spersonalizzata (quindi fotografica).
WANTED -> operazione effettuata da Warhol con veri cartelli segnaletici di ricercati, messi insieme per formare un grande pannello che venne esposta a New York.
“Incidente del sabato” 1964 -> la massificazione fa si che anche gli avvenimenti tragici si appiattiscano.
Warhol pensa di costruire l’immagine dell’uomo americano medio, e dopo aver trovato la foto di un dirigente d’azienda crea il pannello “L’uomo americano” del 1964.Durante gli anni ’60 negli Stati Uniti si afferma una straordinaria figura di autrice indirettamente legata al clima POP.
DIANE ARBUS (1923-1971)
Aveva una particolare attrazione verso il bizzarro, i freaks, i “mostri”, come gli chiamavano i critici; rifugge lo stile fotografico moderno e patinato, e anche dalla vita alla moda; autrice comportamentista, che considera la fotografia una sorta di relazione col processo, da valore al processo fotografico; aveva anche una particolare attrazione verso i gemelli; c’è uno schema fisso nelle sue foto, il soggetto è al centro che fissa il fotografo e l’obiettivo; nelle sue foto vi sono mostruosità fisiche e sociali; la Arbus spiega che forse il suo bisogno di confrontarsi con questa realtà della vita deriva da una crescita in un ambiente troppo protetto; la fotografia è un modo per guardare il mondo