Dal sistema curtense a quello feudale

Appunto inviato da demaforever
/5

Excursus storico schematico sull'evoluzione dei sistemi economici dalla fine della società romana al X secolo (3 pagine formato doc)

Quando, negli ultimi secoli della società romana, non vi era più una grande disponibilità di schiavi e il declino delle citta non consentiva un largo smercio di prodotti agricoli, i grandi proprietari fondiari iniziarono a ridurre la superficie delle loro aziende coltivata in gestione diretta, affittandola a contadini che dunque non erano proprietari della terra su cui lavoravano e neanche a volte degli animali che allevavano; spesso non erano neanche proprietari di se stessi, essendo tra quei pochi servi rimasti.


Ma questa tendenza ad accasare gli schiavi ben presto si diffuse anche per i coltivatori liberi (ma senza terra) e in seguito anche ai piccoli proprietari delle terre circostanti che, non trovando + protezione nei funzionari pubblici, vendevano la loro terra al signore, diventando così affittuari della stessa, x ottenere la sua protezione.


Soprattutto tra il VI e VIII secolo il mondo occidentale viveva una grande decadenza dell'urbaniesimo: ovunque le città scompaiono o vedono fortemente diminuita la loro estensione, anche a causa di un grave calo demografico a causa guerre, devastazioni ed enormi epidemie, comportando un abbandono delle reti viarie, degli argini dei fiumi, della canalizzazione delle acque, con la conseguente dilatazione delle foreste.

.