Riassunto di storia moderna

Appunto inviato da marca1991
/5

riassunto sulla storia moderna dal 400 all'800 (147 pagine formato doc)

Riassunto di storia moderna - STORIA MODERNA
IL MONDO MODERNO - CAPITOLO 1.

VIVERE E PERCEPIRE GLI SPAZI. LE FRONTIERE - I confini più facilmente individuabili sono quelli naturali la cui validazione risale al 700 in particolare   alla rivoluzione francese, durante il nazionalismo ottocentesco a cui si accompagnò la nozione di frontiera storica cioè territori un tempo appartenenti ad uno stato al momento sotto la sovranità di un altro.

Leggi anche Appunti di storia moderna

Tuttavia a tale categoria non facevano parte della politica dall'età moderna, infatti in età moderna lo stato era un coacervo di territori aggregati a vario titolo che mantenevano la loro autonomia e la loro autonoma fisionomia. Infatti le aree di giurisdizione statale si affiancavano a quelle feudali.
Ma a volte sulle frontiere era in atto una dura competizione militare fra stati che spesso erano basati su sistemi politici ideologici e religiosi diversi: in tal caso il confine assumeva una concretezza materiale. In altri casi le frontiere naturali furono coperture ideologiche per mire espansionistiche.

Leggi anche Riassunto di storia contemporanea

L’IDEA DI EUROPA - La frontiera più importante era quella che separava l’Europa occidentale dai barbari orientali questa era ben più solida rispetto a quella che divideva le formazioni politiche dell’europa del tempo, nel Medioevo si opponevano latini e greci ma ora abbiamo ad ovest i colti e ad est i barbari. Ad ovest abbiamo delle monarchie con governo assoluto ma temperato, mentre ad est abbiamo il dispotismo degli zar e dei sultani con lingue ed etnie amorfe ed eterogenee.

Leggi anche Storia moderna in sintesi

Agli osservatori occidentali sfuggiva però che l’impero moscovita aveva salvato la cultura romana orientale e bizantina dall’impero turco. In particolare spagnoli e portoghesi diedero in America latina forme di insediamento e organizzazione degli spazi che ricalcavano quelli della madrepatria. Le società bianche dell’America ispanica tesero presto ad organizzarsi su basi che favorivano  la creazione di mercati regionali e la valorizzazione dell’elemento creolo ma erano connessi all’Europa da lingua, religione, costumi e sovrani.