Alessandro Magno: biografia

Appunto inviato da sylviakdc
/5

Biografia e conquiste di Alessandro Magno (2 pagine formato doc)

ALESSANDRO MAGNO: BIOGRAFIA

Alessandro Magno.

Alessandro Magno, figlio di Filippo ll il Macedone e di Olimpia, nacque a Pella nel 356 a. C.,  divenne re di Macedonia nel 336 a. C. e lo rimase fino al 323 a. C.; egli viene tuttora considerato uno dei più grandi strateghi militari e conquistatori della storia.
Ebbe per maestro Aristotele, il quale gli insegnò retorica, letteratura, scienza, medicina e filosofia: in tal modo Alessandro acquisì quella cultura necessaria a sviluppare le sue doti.
Nel 336 a.
C. il padre venne assassinato e Alessandro gli succedette sul trono di Macedonia in un momento molto critico: l’unificazione della Grecia sotto il potere macedone era avvenuto all’insegna della lotta contro i Persiani, che dominavano le città greche dell’Asia minore e costituivano un ostacolo al pieno controllo dei Greci sui mercati orientali.
Ora si trattava di proseguire nel piano di espansione macedone iniziato da Filippo ll, che prevedeva la sconfitta dell’esercito persiano e la conquista dei territori da esso controllati.

Alessandro Magno: biografia, conquiste e impero

ALESSANDRO MAGNO: BIOGRAFIA BREVE

Alessandro fece giustiziare i nemici che cospiravano contro di lui, ristabilì la propria autorità e venne eletto comandante degli eserciti greci da un congresso di stati a Corinto, per combattere contro la Persia.
Avviò quindi un massiccio intervento volto a formare soldati preparati: ovunque introdusse lo studio della cultura e lingua greca e della tattica militare (si dice abbia istruito in tal modo circa 30.000 giovani macedoni), procedendo soltanto in seguito all’arruolamento.
In breve tempo condusse fortunate campagne contro i Traci, gli Illiri e i Dardani, quindi piegò su Tebe e la distrusse.
Successivamente portò avanti una sanguinosa battaglia contro i Persiani (334 a. C.), presso il fiume Granico, sconfiggendoli e aggiudicandosi la supremazia su tutta l’Asia.
Negli anni successivi sconfisse Dario lll, distrusse Tiro dopo un assedio durato sette mesi, conquistò Gaza quindi passò in Egitto, dove fu accolto come liberatore dal dominio persiano, si assicurò il controllo dell’intera costa orientale del Mediterraneo e fondò, nel 332 a. C., la città di Alessandria, che divenne il centro letterario, scientifico e commerciale del mondo greco, punto d’incontro delle varie correnti di pensiero greche ed orientali che, fondendosi, diedero vita al fenomeno culturale chiamato Ellenismo.

ALESSANDRO MAGNO: CONQUISTE

Proprio in Egitto Alessandro cominciò ad attuare il riordinamento dell’amministrazione statale secondo uno schema che fu successivamente esteso a tutto l’impero, separando l’amministrazione civile da quelle militare e finanziaria.
Per collegare i territori conquistati, fondò numerose città lungo la linea di marcia, in posizione strategica, con strade lastricate e fornite di riserve d’acqua.
In Persia, mantenne la suddivisione in satrapie, governatorati con a capo un satrapo a cui affiancò funzionari macedoni.
Man mano che il suo dominio si espandeva, Alessandro imponeva la cultura greca alle popolazioni dei territori occupati: la sua si rivelò quindi una spedizione senza precedenti sia per la capacità militare che rivelò, sia per il valore del tentativo di unificazione economica e culturale di vasti territori sotto un unico sovrano.