Le civiltà precolombiane: riassunto

Appunto inviato da crycall2000 Voto 7

Le civiltà precolombiane: riassunto sugli Aztechi, Inca e Maya (2 pagine formato doc)

LE CIVILTA' PRECOLOMBIANE: RIASSUNTO

Le Civiltà Precolombiane, tipiche dell'America del Sud e del Mesoamerica (Aztechi, Inca, Maya). Aztechi - tribù dei Nahua, che prese il nome dal suo mitico Paese d'origine, Aztlán (terra degli aironi). Nel XIV sec. si stabilirono lungo la valle del Messico. Tenochtitlán, l'odierna Città di Messico, costruita secondo la leggenda verso il 1325 o il 1370 su un'isola del lago Texcoco, fu la prima sede della monarchia azteca, iniziatasi con Acamipichtli (1375). Successivamente l'imperatore Itzcoatl (ca. 1360-1440) fece di Tenochtitlán il centro dell'espansione azteca, che raggiunse il golfo del Messico e l'Oceano Pacifico. Si creò così un vasto Stato a sistema federativo di cui facevano parte le città conquistate. La spedizione spagnola agli ordini di Cortés distrusse l'impero azteco (1522), massacrandone gli abitanti e uccidendo l'ultimo dei suoi sovrani, l'imperatore Cuauhtémoc (1525).

Tesina sulle civiltà precolombiane


CIVILTA' PRECOLOMBIANE: MAYA, AZTECHI, INCA

Religione. La vita dell'individuo e della società degli Aztechi era basata sulla religione. Dal famoso calendario all'organizzazione politica e sociale tutto era subordinato a scopi religiosi. Dio del sole era Tonatiuh, dea della luna Metzli, dio della pioggia Tlaloc, dea del mais Centeotl, dio dell'inverno il terribile Tezcatlipoca, vendicatore delle colpe umane, e Quetzalcoatl, il serpente piumato, era il dio della civiltà e della tolleranza, costretto all'esilio da Tezcatlipoca, ma destinato a tornare dall'Est. E nello straniero bianco di pelle e dalla lunga barba che si chiamava Cortés l'imperatore Montezuma credette di riconoscere proprio il divino Quetzalcoatl.

La conquista delle Americhe e le civiltà precolombiane: ricerca


MAYA, AZTECHI, INCAS: RIASSUNTO

Arte. L'arte azteca in ogni sua manifestazione appare legata, più che a esigenze estetiche, a motivazioni religiose. La scultura, di aspetto monumentale anche quando è di piccole dimensioni, tende a effetti drammatici nella rappresentazione delle divinità, mentre i rilievi zoomorfi e le figure umane sono resi con acuto realismo. Numerosi gli oggetti legati al rito del sacrificio umano, come urne cinerarie e coltelli in ossidiana; vastissima anche la produzione di oreficeria, quasi scomparsa con la conquista spagnola.

Tesina sui Maya


CIVILTA' MAYA: RIASSUNTO

Maya. popolazione indigena dell'America Centrale distribuita tra il Messico meridionale, il Guatemala, l'Honduras e il Salvador, oggi convertita al cristianesimo, ma che conserva, specie tra le tribù primitive, molte tradizioni e usanze dell'antica popolazione india precolombiana da cui discende. Si usa suddividere le attuali lingue maya in due gruppi principali: huaxteco e maya.
Storia. Gli antichi Maya costituirono, intorno al III sec., un impero frazionato in numerose città-Stato, ma unito da vincoli linguistici e culturali. Poco si sa della loro storia. Solitamente si distinguono un Antico Impero (320-900, esteso nella regione del Peten, Guatemala) e un Nuovo Impero, inaugurato dalle conquiste dei Toltechi, limitato allo Yucatán e durato dal 900 al 1697, sebbene di fatto progressivamente esauritosi dal 1523, anno della conquista spagnola della regione. Evoluti nell'astronomia e nella matematica, i Maya si servivano di un calendario fondato sull'anno solare di 365 giorni e adottavano nella numerazione il sistema vigesimale, mentre per la scrittura usavano un sistema ideografico a base di geroglifici. La struttura della società era fortemente gerarchizzata, con prevalenza della classe sacerdotale (periodo classico) e guerriera (età tolteca) e amplissimo uso della schiavitù.