Riassunto sui Germani

Appunto inviato da 230155
/5

Chi erano i germani? E come vivevano? Riassunto di storia antica sulla popolazione dei germani (3 pagine formato doc)

CHI ERANO I GERMANI

I germani.

Col nome di Germani si indica un complesso di popolazioni prive di un’unica radice etnica, ma appartenenti al ceppo linguistico indoeuropeo, stanziati dalle coste meridionali della Scandinavia attraverso l’Europa centrale e orientale, fino al Mar Nero. Qui erano arrivati in un lento processo, dalle originarie coste baltiche, tra VIII e I a.C. e si erano scontrati con i Celti, popolazione indoeuropea, ma evolutasi con caratteri propri.
I Celti erano stati progressivamente spinti verso est e verso sud.
I Germani risultavano divisi in tre gruppi principali:
•  Germani settentrionali: nella Scandinavia meridionale e Jutland
•  Germani orientali: a east dell’Elba (Burgundi, Vandali, Goti)
•  Germani occidentali: lungo le coste del Mare del Nord e verso sud fino all’area alpina (Suebi, Longobardi, Sassoni, Franchi).

L'agricoltura dei Germani

I POPOLI GERMANICI, RIASSUNTO

Non erano nomadi, praticavano caccia e raccolta, ma anche un’agricoltura rudimentale e allevamento di bestiame. Erano distribuiti in villaggi, anche grandi, ma senza caratteristiche e funzioni urbane. Si spostavano però spesso alla ricerca di territori o condizioni di vita più favorevoli o per scorrerie.
Socialmente, la struttura base era la Sippe (stirpe), cioè un raggruppamento di famiglie con ascendenti comuni. Ogni Sippe aveva terree pascoli comuni assegnati dalla tribù. In tempo di guerra emergeva il ceto dei guerrieri (gli uomini atti alla guerra delle varie Sippen): si eleggevano capi temporanei, con autorità durante la guerra. Intorni a loro si riunivano clientele armate, che ricevevano equipaggiamento, mezzi di sostentamento e compensi in cambio dei loro servizi.
I Germani non conoscevano la scrittura, erano politeisti, anche se dal IV sec. il lungo contatto con le popolazioni romanizzate (come i Celti) avevano diffuso elementi di cultura come le credenze cristiane (nella forma dell’arianesimo).

ORGANIZZAZIONE SOCIALE DEI POPOLI GERMANICI

Gli attacchi dei Germani. Gli attacchi cominciarono dopo la metà del II sec. quando Marco Aurelio dovette combattere il ceppo suebo. Le spinte si fecero più violente alla metà del III e alcune province andarono perdute: la Dacia oltre i Danubio (Goti), gli Agri Decumates (sud-ovest odierna Germania; Alamanni) il basso Reno (Franchi). Le città che subivano razzie e saccheggi cominciarono a fortificarsi. Alle genti stanziate lungo i confini, vennero pagati tributi, per assicurarsi amicizia e aiuto militare.
Ma i barbari vennero anche accolti nell’impero: si trattava soprattutto di soldati, arruolati nell’esercito. Molti potevano anche salire nella gerachia militare, fino a entrare perfino nel Senato.
Negli ultimi decenni del IV sec. vi fu però una ripresa dei movimenti aggressivi, dovuti principalmente alla ricerca di nuovi spazi (la popolazione era cresciuta). Ma una causa immediata e determinante fu anche la pressione sulle frange orientali da parte degli Unni, popolazione nomade di gruppo turco-mongolo.