Riassunto su Mazzini

Appunto inviato da tata160486
/5

riassunto su Giuseppe Mazzini, un patriota di orientamento democratico, repubblicano, che aveva aderito alla Carboneria nel 1827 (2 pagine formato doc)

Riassunto su Mazzini - Giuseppe Mazzini e Giovane Italia. Nel 1828 fa parte della Carboneria, ma tradito da una delazione, venne.

Dopo pochi mesi, nel 1831, fu liberato dal carcere, ma si trovò costretto a scegliere tra il confino e l'esilio. Egli preferì seguire la via dell'esilio che gli durerà per tutta la vita. Si recò prima in Francia, poi in Svizzera e infine in Inghilterra. Durante il suo esilio ebbe contatti con politici, dove ampliò la sua conoscenza e fondò una nuova associazione “La giovane Italia” nel 1831.

Leggi anche La vita e la politica di Mazzini

Pensiero politico di Mazzini: Il pensiero politico mazziniano era animato da una profonda ispirazione religiosa.
Secondo Mazzini, è nella coscienza del popolo che si manifesta potentemente la volontà di Dio ("Dio e popolo") e ad ogni popolo Dio affida direttamente una missione per il progresso, generale dell'Umanità. Tutti i popoli hanno il diritto di libertà e quando sono oppressi, è loro supremo dovere di riconquistare la loro patria anche attraverso la rivoluzione, così come il popolo italiano deve adempiere alla propria missione di lottare contro l'Austria per la liberazione dei popoli oppressi e la creazione di una nuova Europa unita e democratica.

Leggi anche Ricerca su Mazzini

La libertà e l'indipendenza di una nazione si raggiungono non per mezzo delle sette , ma attraverso il sacrificio e l'opera concorde di tutto il popolo. Mazzini proclama che condizione necessaria per l'esistenza e il progresso di una nazione è l'Unità e l'unica forma legittima di governo è la Repubblica nella quale si esprime in tutta la sua pienezza la volontà del popolo. La Giovane Italia prevedeva un Comitato centrale con sede all'estero incaricato di coordinare l'attività dei vari comitati che avrebbero dovuto nascere nelle città italiane.

Leggi anche Storia di Mazzini

Rispetto alle società segrete la “Giovane Italia” si distingueva per l'apertura verso l'esterno. La Giovane Italia ebbe una larghissima diffusione in tutte le regioni italiane e soprattutto ebbe il consenso da parte di intellettuali e le giovani generazioni. Il Mazzini proseguì nella sua opera di predicazione per la libertà e per l'indipendenza, esercitando una straordinaria influenza per insegnare la santità del dovere verso la patria e la necessità ideale del sacrificio. Purtroppo la “Giovane Italia” fallì, poiché Mazzini non tenne conto della congiuntura internazionale che era sfavorevole ad ogni prospettiva rivoluzionaria.