Napoleone e l'Europa

Appunto inviato da razzapazza
/5

Appunto su Napoleone, l'Europa e le riforme dal punto di vista storico (6 pagine formato docx)

L’elemento di fondo del successo di Napoleone era il ruolo dell’esercito nella vicenda rivoluzionaria.
Il popolo francese si era identificato con la nazione in armi e questo divenne uno degli elementi portanti della mobilitazione politica: il successo dell’esercito era la fonte principale del potere. Napoleone rimarrà indissolubilmente legato ai successi militari.
Il dominio francese sull’Europa farà emergere forze nazionali che ne determineranno il crollo.  
La Costituzione dell’anno VIII 
L’ascesa al potere di Napoleone venne sancita dalla Costituzione dell’anno VIII che entrò in vigore alla fine del 1799, dopo esser stata sottoposta al plebiscito. 


Il potere esecutivo fu attribuito al Primo console, Napoleone. Gli altri due membri del consolato ebbero un ruolo consultivo.
Il Primo console deteneva l’iniziativa legislativa, unitamente al Consiglio di Stato. I restanti poteri legislativi erano affidati a tre assemblee: 
il Tribunato (100 membri): discuteva leggi, ma non poteva votarle;
il Corpo legislativo (300 membri): votava le leggi, ma non poteva discuterle;
il Senato (60 membri a vita): verificava la costituzionalità prima della promulgazione.
Si instaurò un governo dittatoriale avente capo un despota illuminato, restauratore dell’ordine e della libertà ( conclude la rivoluzione). 
Questa figura fu costruita dagli intellettuali degli idélogues (tradizione illuminista), inseriti nel Tribunato e nel Senato.
Ma Napoleone mirò a un consenso di base nel paese: fece ricorso al plebiscito ( ricerca del consenso popolare) che lo approvò.
La riforma amministrativa: i prefetti


La nuova Costituzione vide riforme anche in campo polito e amministrativo. La riforma amministrativa napoleonica rimase sostanzialmente in vigore per oltre 150 anni. 
Queste prevedeva la nomina di prefetti, rappresentanti del governo in ogni dipartimento (intendenti dell’ancien régime), su cui si basava la centralizzazione burocratica e amministrativa, nonché fondamenta del regime napoleonico.