Napoleone in Italia e le sue campagne: riassunto

Appunto inviato da raffyna92
/5

Riassunto dei passi principali della campagna italiana di Napoleone, con accurata cronologia (2 pagine formato pdf)

NAPOLEONE IN ITALIA E LE SUE CAMPAGNE: RIASSUNTO

Napoleone e l’Italia.

Napoleone Bonaparte nacque ad Ajaccio e intraprese la carriera militare in Corsica fino al 1793, quando la sua famiglia si trasferì in Francia. Lì si unì all’esercito come ufficiale, ma la sua scalata al potere fu permessa dalla sua amicizia con il potente Barras, membro del Direttorio.
Una delle sue prime gesta fu la repressione di un’insurrezione monarchica del 1795 contro la Convenzione. Da lì la sua carriera iniziò a svilupparsi sempre più fino al 1797.
In quell’anno infatti il Direttorio, così come era già successo nel 1792 a opera dei girondini, decide di risolvere i problemi interni della rivoluzione mediante una politica estera incentrata sulla guerra. Fu deciso infatti di proseguire alla conquista dell’Austria, con l’invio di tre truppe: due che puntavano su Vienna e una diretta invece in Italia con lo scopo di distrarre l’avanzata verso la capitale; quest’ultima truppa fu affidata a Napoleone.

Tesina su Napoleone in Italia


NAPOLEONE CAMPAGNA D'ITALIA 1796

Mentre le prime due incontrarono solo sconfitte, la terza, grazie all’abile strategia militare di Napoleone, riuscì a ottenere grandi successi, e nel corso del biennio 1797-99 la Francia ottenne il controllo di quasi tutta la penisola italiana.
La conquista dell’Italia. La conquista francese fu per molti versi vista come una vera e propria liberazione. Già a partire dal 1790, infatti, i sovrani italiani “illuminati”, spaventati dai moti della rivoluzione francese, avevano interrotto il loro programma di riforme, ripristinando duramente l’Antico regime. Si erano così sviluppati movimenti ispirai a quelli francesi, quale primo fra tutti il movimento giacobino italiano, che aderivano agli ideali di libertà, giustizia e uguaglianza della rivoluzione. Fra i leader di tali moti si può ricordare Filippo Buonarroti, arrestato poi durante la congiura degli Eguali e successivamente esiliato.
Gli eserciti francesi furono dunque bene accolti, e il nuovo governo cambiò completamente la divisione politica italiana, con la conseguente creazione di 4 repubbliche “sorelle”: la Cisalpina, la Ligure, la Romana e la Napoletana.
Con l'armistizio di Cherasco, Napoleone costrinse Vittorio Amedeo III di Savoia a pesanti concessioni, ratificate con la Pace di Parigi (15 maggio), che assegnava alla Francia sia la Savoia che la contea di Nizza. Il 10 maggio 1796 sbaragliò l'ultima difesa austriaca nella battaglia al Ponte di Lodi e il 15 maggio dello stesso anno entrò a Milano.
Il 16 maggio, venne insediata a Milano l'Amministrazione Generale della Lombardia, entità politico-militare della quale facevano parte sia francesi (provenienti dalle file dell'Armata d'Italia) sia esponenti illuministi filo-francesi del capoluogo lombardo, come Pietro e Alessandro Verri, Gian Galeazzo Serbelloni e Francesco Melzi d'Eril.

Napoleone in Italia: riassunto


RIFORME DI NAPOLEONE BONAPARTE: RIASSUNTO

Da quel momento, Napoleone ricevette dai Direttorio i pieni poteri sull'Armata d'Italia e si preparò al compito più arduo: sconfiggere l'esercito austriaco. Dopo una serie di scontri parziali, le forze armate francesi e austriache si fronteggiarono, il 5 agosto, nella Battaglia di Castiglione. Fu, quella di Castiglione delle Stiviere, la prima grande battaglia direttamente condotta da Napoleone, il quale dimostrò il suo genio tattico ribaltando a proprio favore una situazione che pareva compromessa e conquistando la prima importante vittoria della sua carriera militare. Sebbene non definitiva, la sconfitta fu pesantissima per l'esercito austriaco che, riorganizzato e rinforzato da nuovi reparti, venne in seguito battuto a Bassano, Arcole e, infine, a Rivoli.