La religione islamica

Appunto inviato da nba
/5

Relazione sulla religione islamica. (formato txt) (0 pagine formato txt)

La religione islamica La religione islamica fu fondata e predicata in Arabia all'inizio del VII sec.
da Maometto.Il Corano, conservatoci nella redazione del califfo Otman, contiene i precetti e i dogmi di fede rivelati a Maometto da Dio (Allah) attraverso l'arcangelo Gabriele, ipostasi dello spirito divino, raccolti poi dai discepoli in sure (capitoli di lunghezza disuguale); la Sunna, che contiene anche una biografia del profeta, raccoglie le decisioni di Maometto in materia morale e legale, ispirandosi alle quali è possibile risolvere ogni questione di etica e di diritto. Alla formazione dell'islamismo avrebbero contribuito, in quantità e modi che gli studiosi non hanno ancora definito con certezza, il cristianesimo e il giudaismo (che Maometto avrebbe conosciuto nei suoi viaggi in Siria), il mazdeismo o zoroastrismo persiano, le tradizioni religiose della penisola arabica preislamica.I dogmi fondamentali dell'islamismo sono sette: 1) unità e unicità del Dio vivente (tawhid), eterno e onnipotente (si tratta perciò di un monoteismo assoluto, con esclusione di qualsiasi forma di trinità o di incarnazione); 2) creazione ex nihilo del mondo e delle creature dotate di ragione (angeli e demoni; geni buoni e cattivi, o ginn; uomini); 3) immortalità dell'anima umana; 4) giudizio universale e resurrezione dei corpi; 5) premio per i credenti in un paradiso di piaceri sensuali (giardini bellissimi allietati dalla presenza delle hurì (hawra), donne meravigliose, riservate agli eletti, "dalla verginità sempre rinnovata, e castigo per gli empi in un inferno di fuoco eterno; 6) fatalismo e predestinazione: Dio avrebbe stabilito ab aeterno ogni azione umana; 7) carattere divino delle rivelazioni dei profeti (nabi) Adamo, Seth, Enoch, Abramo, Mosè (nel Pentateuco), Davide (nei Salmi), Gesù Cristo (nei Vangeli), e infine, il più grande di tutti ( rasul, inviato), Maometto (nel Corano): solo gli ultimi quattro testi riportano tuttavia fedelmente le parole divine.
Le pratiche fondamentali (arkan, pilastri) dell'islamismo sono cinque: 1) la proclamazione della fede (ahada) nella formula "la 'ilaha 'illa Llah wa Muhammad rasul Allah" (non c'è altro dio all'infuori di Allah, e Maometto è l'inviato di Allah); 2) la preghiera rituale (salat) da recitare rivolti verso la Mecca, cinque volte al giorno, dopo speciali abluzioni con acqua o con sabbia, e la celebrazione comunitaria del venerdì nella moschea; 3) l'elemosina legalizzata (zakat), specie di tassa obbligatoria in denaro o in beneficenza a favore dei poveri; 4) il digiuno totale (sawm) dal cibo, dalle bevande, dai piaceri sessuali, durante il mese del ramadan, dall'alba al tramonto; 5) il pellegrinaggio alla Mecca (hagg), almeno una volta nella vita, che solo in caso di reale impossibilità può essere effettuato anche per procura. Un altro obbligo fondamentale è la guerra santa (gihad) contro gli infedeli.