La scoperta dell'America: riassunto breve

Appunto inviato da nba
/5

Breve riassunto della scoperta dell'America: da prima di Colombo alla scoperta nel 1492 (1 pagine formato txt)

LA SCOPERTA DELL'AMERICA: RIASSUNTO BREVE

La scoperta dell'America. Quando Bartolomeo Diaz aveva fatto ritorno a Lisbona nel 1488, dopo aver doppiato il capo di Buona Speranza, il progetto di compiere la traversata atlantica risultava già compiutamente delineato e fu realizzato quattro anni più tardi.

Pertanto, prima che Vasco da Gama raggiungesse l'India, il genovese Cristoforo Colombo (1451-1506) aveva già compiuto due viaggi di attraversamento atlantico e preso possesso delle terre del Nuovo Mondo, indicate come "Indie di Castiglia", poiché il loro scopritore era convinto di aver raggiunto l'Asia per la via più breve. Egli aveva maturato il progetto di raggiungere le ricche e progredite regioni dell'Estremo Oriente attraverso l'Atlantico, basandosi su una carta-mappamondo del cosmografo fiorentino Paolo dal Pozzo Toscanelli, accettandone anche gli errori di calcolo, che riducevano notevolmente le distanze.

Scoperta dell'America e Cristoforo Colombo: riassunto

CRISTOFORO COLOMBO RIASSUNTO BREVE

Da vari anni Colombo si era stabilito nella capitale portoghese ed era stato introdotto nell'ambiente di corte quale membro della famiglia dei Pastrelo/Perestrello (avendo sposato Felipa Moñiz Pastrelo), originari di Piacenza e divenuti signori di Madera, con diritti di sovranità sull'isola di Porto Santo.

Nonostante gli appoggi su cui poteva fare affidamento, il suo progetto non era stato approvato dalla commissione incaricata di esaminarlo. Successivamente si era rivolto, quindi, alla corte spagnola, riuscendo infine a ottenere la nomina a comandante di una flottiglia di spedizione oceanica, unitamente al titolo di viceré delle terre che sarebbero state scoperte.

La scoperta dell'America: tesina

QUANDO E' STATA SCOPERTA L'AMERICA

Salpato dal porto di Palos il 3.8.1492 (data Scoperta dell'America: 12 ottobre 1492), con una nave ammiraglia (santa Maria) e due piccole caravelle (Pinta e Niña), fece scalo alle Canarie, da dove ebbe inizio il viaggio verso il mare aperto (6 settembre). Dopo poco più di un mese di navigazione, fu avvistata la terra e il 12 ottobre l'equipaggio sbarcò in un'isola delle Antille, battezzata San Salvador (odierna Watling, nelle Bahama). Proseguendo il viaggio verso sud-ovest, fu raggiunta Cuba, poi l'isola di Haiti che Colombo chiamò Española/Hispaniola, dove stabilì la prima base ("La Navidad"), lasciandovi 43 dei suoi uomini (un terzo dell'equipaggio), destinati ad essere uccisi dagli indigeni. Con il favore dei venti primaverili, Colombo fece ritorno a Palos nel marzo del 1493, portando con sé alcuni indigeni, qualche pappagallo, piante esotiche, cotone e un modesto quantitativo di oro.

L'esito della spedizione si ripercosse sul piano politico, in quanto aprì una controversia tra il governo spagnolo e quello portoghese. Quest'ultimo rivendicava infatti il possesso di tutti i territori d'oltreoceano, richiamandosi alla bolla pontificia emanata in suo favore nel 1454. I sovrani spagnoli potevano fare assegnamento sull'appoggio del papa Alessandro VI (Rodrigo Borgia) che emanò una serie di bolle, l'ultima delle quali, nota come "bolla di demarcazione" (1493), tracciò una linea divisoria longitudinale che consentì al Portogallo di garantirsi il possesso dei territori afro-asiatici e di acquisire il Brasile, sulla base anche del successivo trattato di Tordesillas (1494).