I Gesuiti: riassunto e significato

Appunto inviato da sabinobellanima93
/5

I Gesuiti e Controriforma: riassunto della storia della nascita della Compagnia di Gesù, fondata da Ignazio di Loyola nel 1534 (1 pagine formato doc)

I GESUITI RIASSUNTO

Controriforma e Gesuiti. La Riforma Protestante viene definita dai protestanti come “controriforma”, sottolineando il carattere autoritario.

Ma, in realtà, molti storici cattolici la definiscono “riforma cattolica”, cioè un ripensamento del ruolo della chiesa cattolica che torna a sottolineare gli aspetti morali e spirituali sbarazzandosi degli aspetti più deteriori propri del secolo precedente. Sono vere dunque tutte e due le affermazioni.
La chiesa cattolica, nel momento in cui non riesce a ricomporre l’unità dei cristiani, perseguita i protestanti, operando contro la riforma, ma si emenda al suo interno, operando come riforma cattolica.

Concilio di Trento: storia, protagonisti e conclusioni

GESUITI STORIA

La chiesa affronta il problema del protestantesimo nel concilio di Trento, che conobbe una lunga preparazione e durò anche a lungo, con varie interruzioni, ed era stato programmato per ricomporre l’unità. Infine il concilio condannò i protestanti e riformò la chiesa cattolica. La condanna del protestantesimo nasce dalla forte riaffermazione del valore di tutti i sacramenti e dell’autorità del papa sul corpo della chiesa. La bonifica del cattolicesimo, invece, avviene attraverso la nascita di nuovi ordini religiosi che rilancino l’opera missionaria, come la Compagnia di Gesù (Gesuiti), la proibizione del matrimonio dei presbiteri, che prima era tollerato ed era possibile attraverso il nicolaismo che permetteva ai preti di riconoscere i figli e lasciare in eredità i beni. La chiesa, radicalmente, proibisce assolutamente questo atteggiamento, richiede ai preti un più elevato rispetto dei principi morali e tende ad acculturarli attraverso nuove scuole, i collegi.

Il metodo educativo dei gesuiti: riassunto

GESUITI E CONTRORIFORMA

Per esempio, Lutero e Calvino avevano vinto perché avevano fornito elementi culturali notevoli, attraverso la traduzione della bibbia che permetteva a chiunque di saper leggere e scrivere. Invece, in Italia, i presbiteri erano analfabeti. Quindi, i sacerdoti vengono acculturati, viene insegnata anche la capacità di comprendere e spiegare i contenuti della messa, vengono formati con un criterio morale migliore. La pratica delle indulgenze non viene abolita, ma viene separata dall’obbligatorietà del pagamento: rimane questo culto delle reliquie in valore spirituale, ma questo contributo materiale viene affidato in larga misura alla buona volontà del credente. Quindi la chiesa si rinnova, ma in maniera molto moderata.
Ricomporre il rapporto con i luterani non fu possibile, sostanzialmente, per la questione del papa, perché Lutero che si era spinto molto avanti nella sua critica, considerando il papa il nemico della religione e della chiesa stessa e i cattolici rinunciare all’autorità del pontefice. Quindi la rottura è insanabile, ma la nuova chiesa riacquisisce una certa molarità che corrispondeva alle richieste originali di Lutero. Per cui, lo scontro non è più su un livello morale, ma ideologico e politico.

La pedagogia di Ignazio di Loyola: riassunto

GESUITI SIGNIFICATO

In questo periodo si ha la nascita di un particolare ordine religioso, la Compagnia di Gesù, fondata da Ignazio di Loyola che era un ex militare spagnolo che lasciando le armi si era convertito alla pratica della fede e aveva introdotto nel suo ordine le caratteristiche derivanti dalla vita militare. Colui che era preposto all’ordine veniva chiamato generale, come il comandante sul campo, e l’organizzazione stessa è di tipo militare. L’ordine prevede principi morali rigorosi, simili agli altri ordini religiosi, e una elevata acculturazione dei Gesuiti, per i quali è prevista una istruzione superiore a quella degl’altri ordini. L’ordine colto era l’ordine domenicano. I Gesuiti li affiancano e li superano nella gestione del patrimonio culturale, però a differenza degl’altri ordini sono fortemente vincolati all’autorità del papa, secondo la regola. Cioè, il gesuita è libero di intraprendere il suo percorso letterario e missionario, fino al punto in cui incontra la parola del pontefice che da quel momento in poi diventa verità. Nasce allora il concetto di doppia verità che era già presente nel concetto della chiesa, ma che ora viene reinterpretato.