Imperialismo: storia, cause e conseguenze

Appunto inviato da beppesnow
/5

L'Imperialismo nella storia, cause e conseguenze del nuovo colonialismo (2 pagine formato doc)

IMPERIALISMO STORIA

Imperialismo.

Tendenza di un popolo o di una nazione più potente a esercitare un'influenza o un controllo sopra popoli o nazioni più deboli. Può essere arduo andare oltre questa generica definizione, perché le molteplici interpretazioni storiografiche e politiche dell'imperialismo non concordano che su pochi punti. Il termine è spesso usato in senso più specifico: alcuni storici lo considerano come un effetto dell'espansione economica degli stati capitalisti, altri lo limitano a definire la politica di espansione sviluppatasi a partire dal 1880. Altrettanto frequente è il suo uso come sinonimo di colonialismo.
Il colonialismo, in realtà, implica il controllo politico, l'annessione del territorio e la perdita della sovranità dello stato o del popolo sottomesso; l'imperialismo, invece, può fare a meno di colonie e indica più ampiamente un controllo o un'influenza esercitata, sia direttamente sia indirettamente, formalmente o informalmente, con mezzi politici o economici.

L'Imperialismo: riassunto

IMPERIALISMO CAUSE

L'imperialismo nella storia. L'attuazione di politiche imperialistiche risale agli albori della civiltà; esempi classici furono l'impero di Alessandro Magno e quello romano. Più avanti nel tempo, tra il XV e il XIX secolo, in seguito alle esplorazioni geografiche, molti stati europei fondarono imperi che comprendevano colonie in Asia, Africa e America; questa "prima forma" di moderno imperialismo è molto vicina al concetto di mercantilismo, tende infatti a creare situazioni di monopolio nei commerci della zona colonizzata e di difesa dei benefici che essi generano.
Dopo la metà dell'Ottocento, l'imperialismo conobbe nuovo impulso e si trasformò da potere spesso informale, ricercato per vie diplomatiche o con i commerci, in vero dominio coloniale su gran parte dell'Africa, dell'Asia e dell'area del Pacifico da parte delle potenze europee, degli Stati Uniti e del Giappone.

Imperialismo: cause

IMPERIALISMO CAUSE E CONSEGUENZE

Con la fine della seconda guerra mondiale gli ultimi grandi imperi coloniali europei cominciarono a dissolversi (vedi Decolonizzazione) e divenne predominante l'imperialismo economico moderno, la forma oggi nota per l'assenza di sistemi istituzionali di controllo. Le potenze occidentali, ad esempio, possono influenzare pesantemente la politica economica di molti stati del Terzo Mondo grazie al proprio potere economico, oppure attraverso il controllo esercitato su organismi internazionali come la Banca mondiale o il Fondo monetario internazionale; inoltre, diversi stati europei hanno mantenuto una notevole influenza sui paesi nati dalla dissoluzione degli imperi coloniali, prestando così il fianco all'accusa di "neocolonialismo", la continuazione cioè di un rapporto d'influenza e controllo anche senza le strutture del governo coloniale.

L'età dell'Imperialismo: riassunto

L'ETA' DELL'IMPERIALISMO RIASSUNTO

Le ragioni dell'imperialismo - All'origine dell'imperialismo vi sono ragioni economiche, politiche e ideologiche. La motivazione economica all'imperialismo è la più diffusa: uno stato cerca di dominarne altri per reperire materie prime, forza lavoro e trovare mercati per i propri prodotti. Questa teoria, derivata dalle analisi economiche di Marx, Lenin e di altri pensatori marxisti, arriva a considerare l'imperialismo come un'espressione strutturale del capitalismo.