Riassunto della vita di Carlo Magno

Appunto inviato da
/5

La vita e le conquiste di Carlo Magno: riassunto di storia medievale (2 pagine formato doc)

CARLO MAGNO VITA

Carlo Magno.

Re dei Franchi, è la figura più rilevante del Medioevo, sia per l’importanza storica delle sue imprese, sia per lo straordinario potere suggestivo della sua personalità, ancora lui vivo, circonfuso di leggenda.
Carlo Magno, ampliò il Regno dei Franchi per un gran tratto di là del Reno, delle Alpi e dei Pirenei, e costituì un forte abbozzo di unità europea: con l’ Impero che la Chiesa consacrò come "Sacro e Romano, e che i contemporanei salutarono come ritorno di quello dell’antica Roma.
L’espressione territoriale del regno dei Franchi per opera di Carlo era in pieno rigoglio quando il sovrano fu incoronato "Sacro Romano Imperatore" da Papa Leone III in Roma, la notte di Natale dell’anno 800.
Carlo Magno fu un grande organizzatore: la corte di Aquisgrana divenne il centro motore dell’apparato amministrativo feudale dell’impero.
L’opera legislativa di Carlo Magno è rappresentata da una serie di leggi dette capitolari, che regolano tutte le materie economiche, politiche, culturali e anche ecclesiastiche.

L'impero di Carlo Magno: riassunto

CARLO MAGNO RIASSUNTO VITA

Figlio di Pipino il Breve, Carlo, alla morte del padre, si trovò in grave contrasto con il fratello Carlomanno nella divisione dei territori e nella gestione del potere. Al fine di porsi in vantaggio sul fratello, Carlo cercò validi alleati e sposò nel 770 Ermengarda, figlia del re longobardo Desiderio.


L'alleanza, tuttavia, durò poco: già l'anno successivo Carlo ripudiò la moglie e la morte improvvisa del fratello gli consentì di occuparne i territori senza difficoltà. Desiderio si fece allora difensore dei diritti dei figli di Carlomanno e chiese l'appoggio del papa. Ma le preoccupazioni di Adriano I erano altre: egli, infatti, temendo la potenza longobarda che premeva ai confini dei suoi domini, preferì allearsi con Carlo che, dichiarata guerra ai Longobardi, ne occupò il regno, costringendo a capitolare prima il principe Adelchi a Verona, poi Desiderio stesso assediato a Pavia (774).
Da quel momento Carlo assunse il titolo di "'Rex francorum et langobardorum".
Negli anni successivi Carlo fu impegnato su più fronti di guerra: Avari, Bavari, Sassoni, Normanni ed Arabi.

CARLO MAGNO VITA IN BREVE

In Italia rimaneva a contrastare la sua supremazia il longobardo duca di Benevento, la cui sottomissione fu sempre soltanto formale, mentre il re si dedicava alla leggendaria e sfortunata impresa di scacciare gli Arabi dalla Spagna (778). Fallito l'assedio di Saragozza, infatti, le armate di Carlo furono costrette a prendere la via del ritorno ma, nel passare i Pirenei in territorio navarrese, la retroguardia al comando di Rolando, marchese di Bretagna, viene massacrata a Roncisvalle dai nemici appostati fra le montagne.
Inf. XXXI, 16-18
Dopo la dolorosa rotta, quando
Carlo Magno perdé la santa gesta (l'impresa santa contro gli infedeli)
non sonò sì terribilmente Orlando.