Guerra dei cent'anni: cause e conseguenze

Appunto inviato da erton
/5

Riassunto della Guerra dei cent'anni: cause e conseguenze (2 pagine formato doc)

GUERRA DEI CENT'ANNI: CAUSE E CONSEGUENZE

La guerra dei cent’anni: Con la guerra dei cent’anni arriveremo alla definizione nel XIV secolo dei rispettivi confini inglesi e francesi.
Questa guerra scoppiò a causa di una lotta apertasi in Francia per la successione al trono, dopo la morte senza eredi legittimi di Filippo il Bello, i cui tre figli maschi morirono prima di poter salire al trono e la figlia Isabella non venne riconosciuta come legittima erede al trono.
In assenza di successori, prese il potere Filippo VI di valois.

Guerra dei cent'anni: schema

CAUSE ECONOMICHE DELLA GUERRA DEI CENT'ANNI

Bisogna inoltre ricordare che Isabella era la madre del re d’Inghilterra Edoardo III, il quale aveva contestato la legittimità dell’elezione di Filippo VI di valois.
Per capire meglio la motivazione dello scoppio della guerra dei cent’anni bisogna fare un passo indietro, ai tempi in cui Guglielmo il conquistatore vinse la battaglia di Hastings nel 1066.

Grazie a quella battaglia, Guglielmo che era un vassallo del re di francia conquistò parte dell’Inghilterra.
In seguito i regni di Guglielmo vennero espansi da Enrico II che attuò un’attenta politica matrimoniale.
A Enrico II succedette Giovanni senzaterra che in seguito alla sconfitta nella battaglia di Bouvines dovette cedere parte dei territori al re di francia.
Ciò nonostante quei regni in territorio francese rimanevano ancora molto vasti, da qui nacque la contesa in cui il re francese volle appropriarsi di tali terre mentre il re inglese volle impadronirsi dell’intera Francia.

La Guerra dei Cent'anni: riassunto

GUERRA DEI CENT'ANNI: RIASSUNTO

Inizialmente furono gli inglesi a vincere prima a Crezy e successivamente a Poitiers, facendo prigioniero Giovanni II, che era succeduto a Filippo VI. In seguito le due corti arrivarono al trattato di Brétigny (1360) che sanciva un lauto riscatto per la liberazione di Giovanni II e il riconoscimento di Calais e della francia sud occidentale come territori inglesi.
La vittoria inglese fu favorita tanto da alcune rivalità interne alla nobiltà francese quanto da una tecnica di combattimento centrata sugli arcieri che gli inglesi avevano appreso a loro spese dagli scozzesi (durante le rivolte).

Nove anni dopo bretigny salì al trono Carlo V il quale riprese le rivalità contro gli inglesi recuperando gran parte dei territori perduti in precedenza, anche grazie al condottiero Bertrand du Guesclin, che elaborò una tattica di combattimento che puntava all’evitare l’attacco frontale della cavalleria. Fecero inoltre la loro comparsa i primi cannoni che erano poco precisi in azioni in campo aperto, ma si rivelarono utili durante gli assedi.

Approfondisci: Tutto sul Medioevo